accedi   |   crea nuovo account

Scambio di ruoli

C'erano una volta due piccole amiche di nome Allegra e Maria, avevano circa otto anni, si volevano molto bene e giocavano spesso insieme. Vivevano in due piccole casette di campagna e andavano spesso nel bosco per raggiungere il fiume e tirare qualche sasso portando a spasso le loro bambole.
Un giorno, mentre si avventuravano nel bosco videro un lupo, entrarono nel panico e cominciarono ad allontanarsi veloci, ma poi si accorsero che l'animale invece di aggredirle era più terrorizzato di loro e si allontanava. Si fermarono e videro intenerite quel musetto impaurito, che non gli aveva fatto nulla di male.
Si avvicinarono e lui indietreggiava così Maria disse: "Perchè hai paura non abbiamo occhi, orecchie e bocca grande, sei tu che devi mangiarci, noi non possiamo farti nulla di male."
Il lupo era un po'imbarazzato, ma non si sentiva preso in giro dalla domanda innocente della piccola, così disse: " Io... non so... sono cresciuto da solo, mia madre è morta quando ero ancora piccolo, perchè un bracconiere gli ha sparato con un fucile e io mi sono spaventato molto.
Quando vedo degli esseri umani, mi cattura la paura più cattiva di me, il mio corpo entra nel panico ed è sempre più sconvolto."
Le due amiche erano molto dispiaciute per il dolore che provava e avevano capito che il suo istinto era affogato nelle lacrime della paura. Allegra disse: "Non devi aver paura non siamo cattive non ti faremo nulla di male. Lo so che queste parole non bastano a convincere la tua nemica, ma fidati di noi e abbi fiducia in te." Lui non disse nulla e rattristato si allontanò lasciandole senza parole.
Le due amiche tornarono a casa mano nella mano, ma non dissero nulla ai loro genitori perchè altrimenti non le avrebbero più fatte andare nel bosco. Il giorno dopo tornarono nel bosco sperando di trovarlo e consolarlo, ma non lo trovarono, cominciò a piovere e tornarono a casa un po'deluse.
Il giorno dopo andarono a cercarlo per tutto il bosco, non trovarono altri animali tranne scoiattoli e uccellini. Dopo tanto girare scoprirono la sua tana in una piccola grotta. Appena le vide, la mente non ascoltava ragioni, anche se capiva e il corpo ne subiva le conseguenze. Si avvicinarono lentamente, lo salutarono e cercarono di calmarlo. Maria cercò di accerezzarlo e lui spaventato tremava e impazziva. Lei fece uscire dal suo cuore tutto il suo amore, che il lupo sentì intensamente nell'aria e incantato si tranquillizzò, provando benessere facendosi accarezzare senza timore da entrambe.
Dopo qualche settimana tornarono a trovarlo, ma nella tana non c'era solo lui, videro anche una lupa e dei cucciolini che giocavano. Lei cominciò a tirare fuori il suo istinto, soprattutto per difendere i cuccioli, ma prima che attaccasse la bimbe, lui le spiegò che erano sue amiche e che non le avrebbero fatto nulla, come lui non le aveva mai aggredite. Rimasero a giocare un po' con i cuccioli e la pace fioriva nei loro cuori con sorrisi dorati.
Chi ama aiuta anche chi si sente diverso e impotente. L'amore vince la paura e se ti fidi di chi ti dà fiducia la pace e la gioia fioriranno in ogni cuore.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

12 commenti:

  • sara zucchetti il 01/09/2013 12:51
    grazie del commento, è vero come favola per bambini è difficile
  • Marcello Piquè il 01/09/2013 07:41
    mi è piaciuta questa inversione di ruoli anche se dura da spiegare ai bambini
  • sara zucchetti il 06/01/2011 10:20
    Grazie del commento sono contenta che ti piace!
  • nemo numan il 06/01/2011 10:06
    molto bello... mi piace bravissima
  • sara zucchetti il 18/12/2010 22:45
    Così dice la favola di cappuccetto rosso, ma ho voluto provare a far sentire paura al lupo.
    grazie del commento
  • Salvatore Cipriano il 18/12/2010 22:15
    Concordo su tutto Sarah, ma fidarsi di un lupo... beh, c'è sempre da temere.
  • sara zucchetti il 02/12/2010 09:04
    Grazie sono contenta che tu abbia capito, bisogna unire la fantasia con la realtà per imparare a vivere felici
  • Dolce Sorriso il 01/12/2010 23:12
    non sono semplici favolette... grande il loro significato,
    molto bello
  • sara zucchetti il 01/12/2010 22:49
    Grazie caro Denny sono davvero contenta, sei un grande amico e sono contenta che apprezzi le mie semplici favolette che voglio abbiano un significato profondo.
  • denny red. il 01/12/2010 19:37
    Dolci teneri i tuoi racconti Sara, l'amore e al di sopra di tutto, se ami.. anche un lupo.. diventa dolcissimo,
    fiducia amore fede, sono la cura migliore, Sei Bravissima!!! Sara, è sempre un piacere leggerti, hai un dono, che apprezzo molto, è bello averti come amica.. Brava!!! Sara, al prossimo.. vai tranquilla, ti leggo sempre! Ciaoooo!!! Un Abbraccio.
  • sara zucchetti il 26/11/2010 21:50
    Grazie che commento speciale sono davvero contenta.
  • Michele Rotunno il 26/11/2010 20:36
    Inguaribile Sara! I tuoi racconti sono sempre contorniati da un alone magico. Amore, fiducia, speranza, perciò sei inguaribile.
    Brava.