PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Parole e nuvole

Finiti i compiti avevo l'abitudine, con la bella stagione, di sedere fino all'ora di cena, sul gradino di marmo della portafinestra.
Si abitava in collina e da quel poggiolo coglievi una Genova che ti si offriva generosa dalla Foce alla Lanterna, sere in cui tramonti d'uva fragola matura si allungavano da Portofino a Capo Noli, bastava un temporale per avere la magia, fatta colore, di un arcobaleno; a primavera la balaustra di ferro veniva sfiorata dalle ali delle prime rondini che, tornate ai nostri cieli, stridevano a coprire il rumore dei pensieri di chi, come me, stava naso all'aria a contemplare il cielo.
A seguire le nuvole.
Non ricordo quando è stato che il mio anziano vicino cominciò a leggerle - le nuvole - a voce alta, a tempo con il cigolio del dondolo su cui sedeva sul suo terrazzino, anticipandomi le forme diverse in cui si sarebbero trasformate e individuando, volta a volta, sagome di continenti, profili umani e criniere di leone o code di cavallo che si rendevano manifeste nell'azzurro sovrastante.
Timida, non dicevo nulla ma, da quella prima volta in poi, sul finire del pomeriggio, mi accoccolavo con la schiena appoggiata al muro in impaziente attesa.
Delle nuvole e delle parole del mio compagno di giochi.
Anni dopo, quando già non abitavo più nella casa dei miei genitori, seppi che il vicino, non più autosufficiente, era stato trasferito in una casa di riposo e che più tardi era trapassato a miglior vita. Da quel momento ho saputo che, quando alzo gli occhi e scorgo nuvole nel cielo, ce ne sarà sempre una che si muta in un profilo gibboso con la punta di una barba volta in avanti: è il suo modo di continuare a giocare con me.

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • lucietta vo il 02/02/2011 00:11
    Bello questo tuo racconto, scritto davvero bene, ciao
  • Claudia Ravaioli il 24/12/2010 21:11
    Grazie Dino.
    Il tuo commento è un gradito regalo di Natale! Sul serio.
  • Dino Borcas il 23/12/2010 22:05
    nei tuoi racconti (quelli che ho letto...),
    la poesia fa capolino da una nuvola, un minestrone, un lottatore di sumo,
    spunta come un grazioso gatto, dallo sguardo curioso,
    e quando torniamo a quel ricordo,
    come dimenticare quello sguardo...
  • Paola B. R. il 05/12/2010 23:23
    Bello 'leggere' le nuvole e questa continuità di dialogo fra lui e te.
    Mi associo a Giacomo: molto poetico!!!!
  • Anonimo il 03/12/2010 15:02
    Molto bello questo racconto... scritto benissimo e con il pregio di trasportare i lettore nell'ambiente di quella genova collinare descritta in modo davvero poetico.
    piaciuto assai... 5 stelle. ciaociao
  • Michele Rotunno il 03/12/2010 11:25
    Momenti di intimità crepuscolare, hai descritto un quadro di quei pittori surrealisti nordeuropei.
    Brava
  • Pierandrea Formusa il 03/12/2010 11:09
    Le nuvole lette come parole, interpretate come immagini a rappresentar qualcos'altro.
    Poi il vecchio, esegeta dei codici delle nuvole, che viene a mancare. Lo ritrovera' lassu' nello spazio e nel tempo a venire.
    Bello l'enjambement di punteggiatura sulla parola "attesa" in "... appoggiata al muro in impaziente attesa.
    Delle nuvole e delle parole del mio compagno di giochi."

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0