accedi   |   crea nuovo account

La donna del lago-verso la fine-

"Buona sera dottore".
"La vedo più tranquillo, è riuscito a concludere?"
"... Sì, direi di sì".
Lo psicoanalista lo guardò negli occhi aspettando. Questa volta Filippo si era seduto nella poltrona di fronte a lui, era più calmo, il tono muscolare precedentemente rigido aveva ceduto il posto ad un corpo rilassato, a suo agio. Accavallò le gambe, allungò la mano sulla scrivania e cominciò.
"Non ero del tutto convinto ma, ho fatto come mi ha detto lei. Sono tornato a Montespertoli da mia nonna e ho cercato, ho frugato ovunque. Niente di particolare. Allora sono salito in soffitta, là mia nonna teneva le cianfrusaglie che non voleva buttare via, anche lì solo mobili e vecchi oggetti. C'era un grande baule con un lucchetto che mi ha incuriosito, non le sto a raccontare quanto ci ho messo per rompere quel lucchetto; ne è valsa la pena, purtroppo." Sospirò.
"Ancora non ci posso credere. Uno vive trentacinque anni con le sue sicurezze, le sue consapevolezze e... basta un baule per capire che io non so niente di me, NIENTE, su chi credevo di amare."
Il dottore non proferì parola, questo caso l'aveva incuriosito da subito. Non era il classico depresso o mitomane; aveva annusato immediatamente l'aria di mistero intorno a Filippo.
"All'inizio ho visto delle vecchie foto di mio padre insieme ad una ragazza, ho subito pensato ad una relazione precedente a quella con mia madre. Una ragazza carina, mora con uno sguardo dolce e le dirò, più la guardavo e più mi veniva da pensare che, in qualche modo lei avesse più affinità con me, rispetto a mia mamma.
Sembravano felici, almeno lei, sì.
Poi, nascosti sotto, dei ritagli di giornali che parlavano di una ragazza misteriosamente scomparsa. Era di qualche paese più in là, viveva con la zia e un giorno non fece più ritorno. Quella ragazza era la stessa della foto, mio padre la conosceva! Non volevo crederci, oppure, non potevo crederci!
Si chiamava Viviana e aveva ventiquattro anni.
Ho pensato che mio padre l'avesse conosciuta dopo mia mamma ma, guardando l'anno dei giornali ho avuto un brutto presentimento. Viviana è scomparsa nel 1975, mia mamma stava già con mio padre perché io sono nato in quell'anno.
Mi sono ricordato di un particolare: la mamma mi diceva spesso, da piccolo, che aveva aspettato tanto per avermi. Ho guardato dietro le foto e anche quelle erano state sviluppate nel 1974/75.
A quel punto ero sicuro che i miei genitori fossero coinvolti nella scomparsa di Viviana, ma non capivo come e perché."
Filippo fece una pausa, i suoi occhi divennero lucidi almeno per un attimo.

Ho dormito lì sperando di essere ispirato in qualche modo, lei voleva il mio aiuto e non me ne sarei liberato finchè non risolvevo. Ripensavo alle sue parole, un passo mi aveva colpito: 'diceva di amarmi mi ha affogata '. Possibile che mio padre avesse affogato quella ragazza? No, con me era sempre stato corretto.

12

0
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • denny red. il 09/12/2010 20:40
    Un intreccio di vite.. SCUOTONO IL PSCOANALISTA, . .. CAPISCE DOTTORE?? PAOLA, QUESTA DONNA DEL LAGO... SI STÀ RIVELANDO.. UN BEL SUCCESSO!! TRA RICORDI... ANNI.. VERITÀ E NON VERITÀ.. FILASTROCCHE.. UN STUPENDO!! MISTERO, COME AL SOLITO.. LA TUA BRAVURA, MI TIENE NASCOSTO.. DIETRO LA TENDA, MA PER POCO.. CHE RACCONTO!!! PAOLA, CHE DONNA... QUI È MAGIA.. PURA!!! STÒ NASCOSTO PAOLA, ARRIVO... VEDIAMO COSA SUCCEDE.. SEMPRE PIÙ BRAVA!!! CHE DONNA DEL LAGO... CIAOOOOOOO!!!!!
  • Claudia Ravaioli il 08/12/2010 22:36
    oh perbacco! avevo letto e commentato la fine senza avere visto questo "verso la fine"... beh vale quanto scritto là aggiungo che in toto mi è piaciuto!!
  • Giacomo Scimonelli il 07/12/2010 09:49
    bello!!... piaciutissimo... aspetto il prossimo
  • Paola B. R. il 06/12/2010 19:47
    Da acque al lago... oggi sei dispettoso Michele!!!!
    No, no, no
  • Michele Rotunno il 06/12/2010 19:35
    Di parto cesareo, intanto che le si erano rotte le acque.
    GRRRRRRRRRRRRRRRRRRRR!
  • Paola B. R. il 06/12/2010 19:17
    Fuochino... e dai... vi ho lanciato un forte indizio... ma, perchè è morta?
    Ormai, ci siamo!!!!! GRAZIE, GRAZIE, GRAZIE!!!!
  • Michele Rotunno il 06/12/2010 18:48
    Ma dai.. ancora non l'hai chiusa? Non è che aspetti i nostri commenti per farti venire un'idea? Comunque sei favorita dalla lentezza della Redazione.
    Allora ti propongo un finale: Filippo è suo figlio, adottata dalla moglie del padre. Dimmi che è così (almeno per fare un dispetto a Nunzio), ihihihih!
    Un lato di me che non ho mai svelato è infatti un notevole sadismo. Cominciate a tremare...
    Ma la notte non ti vengono gli incubi?
  • Anonimo il 06/12/2010 18:15
    Paola, se c'è il colpo di scena finale, vai con questo. Aspetto con ansia di leggere l'ultima parte.
  • Anonimo il 06/12/2010 15:48
    Bello, avvincente... anch'io non ho capito quel... dalla mia pancia a quest'oblio.
    Mio figlio è un ilettante regista... forse è interessato sceneggiature horror, fantastiche... del genere noir.
    Forza allora... sotto con la spiegazione del mistero... ciaociao... qui vedo mezza stella, prima di dare il voto voglio verificare che non ci siano dei malfunzionamenti. ciaociao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0