accedi   |   crea nuovo account

Quella volta che il Bambino Gesù voleva scioperare

E io non nasco. Voi continuate pure così, come al solito, che tanto non avete imparato niente. Che nasco a fare? Me lo chiedo ogni anno, ma quest'anno ancora più insistentemente. A voi non importa niente né di me né della mia famiglia, per voi siamo solo dei pupazzetti da ammirare nelle vostre case, chiese e botteghe. L'anno scorso ci è toccato accogliere i tre Re Magi scesi da tre Micromachines fiammanti, e uno si è pure scusato che aveva sbagliato dono e dentro il cofanetto c'erano i Mon Cheri, che a quella santa donna di mia madre manco piacciono.
Un'altra volta ci è cascata sopra alla capanna una enorme stella di cartone ricoperta di alluminio, e ci ha bloccato l'ingresso per tre giorni tanto che i pastori gridavano "fuori... fuori!". Per fortuna che un elicottero Mattel della Protezione Civile, attratto dalle luci intermittenti del paesello lassù, ci ha salvato sollevando uno dei lati di sughero della capanna per farci uscire... Mio padre non ce la fa più, non dorme da giorni, è attanagliato da dubbi inconfessabili circa la mia nascita... Mamma invece è intenta a scacciare i giganti curiosi che con le guance rosse ed enormi dentini da latte si affacciano più volte al giorno oltre le colline coperte di neve finta... Dice che la rendono nervosa. Giura che l'altro giorno li ha visti azzannare un intero gregge di pecorelle di plastica che stazionava qua davanti da una settimana. Fantasie e paure di una madre iperprotettiva? Lo spero... E adesso che succede? Che è stò casino? Basta!! Finitela voi lanaioli, caldarrostai, pescivendoli, arrotini, verzurai, fabbri e maniscalchi... Ma che succede là fuori, un raduno della Confcommercio? Tanto è inutile che strilliate tanto, che la vostra mercanzia non ve la compra nessuno, tutta roba cinese - si vede da lontano. C'è una strana luce nel cielo... che si avvicina... L'asino e il bue sbuffano come al solito, e qui fa un calduccio, vero mammina? Allora che faccio nasco? E vabbè... uffa... nasco. Eccomi qua. E anche se non ve lo meritate per niente... Buon Natale!

 

1
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Gion Strusciante il 09/06/2011 17:57
    Mi sono sempre chiesto cosa pensasse il Bambin Gesù del suo stesso natale... GRANDE!!
  • Anonimo il 16/03/2011 12:51
    Fantastico povero bambin Gesù.
  • Michele Rotunno il 08/12/2010 17:52
    Ottimo, satira e ironia come non ne leggevo da un pezzo. Letto, gustato e riletto e... rigustato.
    Ciao
  • Anonimo il 08/12/2010 14:43
    Paolo... c'è modo e modo di fare il presepe... vai a leggere una mia vecchia poesia... Faber est suae quisque fortunae... e capirai anche l'attinenza con il tuo bel racconto. ciaociao
  • Paolo La Montagna il 08/12/2010 14:39
    beh... dopo un po' di "limae labor" sulla bozza la sintesi viene da sé... non ti scoraggiare! Pensa che l'idea di questo raccontino m'è venuta mentre facevo il presepe! Grazie del commento!
  • Anonimo il 08/12/2010 14:33
    Molto carino... anche ben scritto.
    Una sana ironia che cela verità sacrosante. ciaociao
    P. S. ottima la sintesi... quella che manca a me.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0