PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Lettera alla Democrazia

Cara Democrazia,
sono anni ormai che Ti guardo da lontano, Ti vedo all'orizzonte, certi giorni sembri più vicina, altri Ti allontani; Ti ho scritto più volte, Ti scrivo ancora una volta, Ti scrivero' sempre; insieme a chi come me ancora Ti cerca, Ti ha sempre cercato e Ti chercherà ancora, ho urlato il Tuo nome a squarciagola nelle piazze; Ti ho letto in mille modi, stampata sulla carta di un libro, spruzzata nel muro di una scuola, dipinta su un cartellone, scritta con i fiori e coi palloncini colorati; sento parlar di Te da famiglie giovani che non arrivano in fondo al mese; vieni invocaTa da chi subisce torti e ingiustizie; i nostri nonni Ti lodano con ancora negli occhi i ricordi freschi di una dittatura recente; Ti vedo sventolata in tv da quattro politicanti privi di cultura, grassi e arricchiti, che nel Tuo nome si nutrono di diritti già acquisiti dal popolo in un passato turbolento.
Alla tv si parla di scontri, manifestazioni, gente che perde il lavoro, vedo politici che vorrebbero fare i comici e comici che vorrebbero fare i politici; mi affaccio alla finestra, guardo l'orizzonte e nn ci sei più, torna presto.
Francesco

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • francesco fidanzi il 15/12/2010 18:48
    ... pensieri "incisi" sulla carta, in un gelido risveglio italiano, nel tempo di un caffè e una sigaretta, per imprigionare un momento storico della triste politica italiana di secondo millennio
  • Anonimo il 15/12/2010 18:47
    Mihele, che conforto possiamo darti...è come tu dici. Un mio amico filosofo di vita dice sempre: c'è da mangiarsi il culo a morsi... ciaociao a te ed al nostro francesco.
  • francesco fidanzi il 15/12/2010 18:21
    grandi! grazie! scrivere per condividere per sentirsi parte di qualcosa in un momento cosi' buio per il nostro paese, scrivere per nn ingollare un altro rospo e un altro e poi un altro... grazie ancora!
  • Michele Rotunno il 15/12/2010 16:38
    A volte a forza di parlare di cose inesistenti va a finire che ci crediamo davvero, così i sogni utopistici diventano realtà inconfutabili, pertanto ad occhi aperti spesso mi chiedo se è mai esistita.
    Vorrei un conforto alla mia disillusione, qualcuno può darmelo?
  • Anonimo il 15/12/2010 15:06
    Grande verità... non dico altro. ciaociao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0