PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Lei

Eppur lei aprì gli occhi ad un nuovo giorno, ma non sorrise, non gioì. S'accorse, in quell' istante che destò lo sguardo, di non vivere, ma di attendere i giorni e minuti, fin anche a programmare l'ultimo secondo di un'esistenza calcolata.
E poi lei s'accorse d'esser morta ieri, e il giorno prima ancora, capì, sorridendo appena, che avrebbe continuato a morire in eterno, e avvolta nella seta delle sue lenzuola, intuì che gli uomini vivono mille volte nella vita, e che in una di queste, sono a loro decidere quando e come morire.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Anonimo il 21/01/2011 08:57
    Applaudo.
    Grazie.
    Monica
  • Ugo Mastrogiovanni il 22/12/2010 09:32
    Ricorre spesso il tema della morte nel pensiero di Anthony Black, forse a causa della delusione per la modernità, o forse per l'attrazione da parte di quella porzione d'irrazionale sempre presente nel nostro spirito, tuttavia non mi sembra abbia un significato negativo per chi scrive. Sembra quasi che Anthony Black via di brevi incubi di inerzia molto validi alla sua ispirazione di pensatore.
  • giovanna raisso il 18/12/2010 14:57
    vite trascinate che sono già un po' morire.. in una presa di coscienza che è già rinascita
    bravo Anthony.. fai riflettere come sempre

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0