PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Fragile bisbiglio

Non mi sono mai piaciute le categorie."Amici", "conoscenti", "confidenti", "fidanzati", "frequentanti"... per me sono soltanto parole. Parole che vivono, inevitabilmente, di altre parole quali "fiducia", "stima", "rispetto"... Queste, però, sono decisamente più concrete. Concrete perché danno senso a quel rapporto senza la necessità di doverlo definire con un nome. Qualche volta mi è capitato che mi venisse chiesto quale valore avessero per me questi termini e io ho risposto in maniera vaga. Non sapevo, in realtà, a cosa aggrapparmi per spiegare il significato di ciò che intendevo. Temevo che tutto potesse essere frainteso. Ora, dopo che la mia nave ha visto porti seppelliti dalla ruggine e altri sorgere dal nulla, come un fiore in primavera, posso azzardare un paragone che rende l'idea molto meglio di tante banali retoriche. Le relazioni tra gli individui sono come la voce. Sì, i più belli somigliano a un bisbiglio: fragile, leggero, intimo. Un bisbiglio che non ha bisogno di essere ascoltato da tutti, ma solo da colui a cui è rivolto, a cui è sussurrato dolcemente all'orecchio. E vivono di sensi, tutti e cinque i sensi. L'udito, ovviamente, perché, se non si sa ascoltare, forse non si sa nemmeno voler bene. Il tatto, perché accarezza l'animo di chi si ha di fronte. L'olfatto, perché riesce a riconoscere il profumo di sincerità. La vista, perché supera, e non di poco, il muro dell'apparenza. Il gusto, perché richiede continuamente sapori, esperienze e sensazioni nuove, ma sempre con la medesima persona. Un gradino più in basso, ma lontano anni luce, c'è il chiacchiericcio. Un chiacchiericcio di parole spezzate e affetto saltuario. Ancora più giù, quasi poggiato al suolo, c'è l'urlo. L'urlo di gruppi di persone che, pur stando vicine, non si ascoltano davvero. Sono una accanto all'altra, circondate da monti di egocentrismo, e riescono a udire solo gli echi reciproci, finché si perdono nell'aria e ognuno va per la propria solitaria e insensibile, quasi cinica, strada.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Laura sansone il 10/05/2011 11:02
    Ho trovato questo racconto molto ben scritto, una sola parola a volte non basta per descrivere bene il concetto. E le metafore ci vengono incontro... tu le hai utilizzate benissimo... complimenti!
  • Marcello Affuso il 22/12/2010 16:54
    Vero... però con le metafore e con le similitudini spesso si può rendere meglio l'idea di cosa sia un rapporto che solitamente vive di emozioni e di sentimenti per antonomasia difficili da descrivere
  • Anonimo il 22/12/2010 15:21
    Molto interessante e ben svolto, il concetto. Noto che mancano alcune parole usatissime, insieme ad amicizia etc... amore. E dei numeri che mi dici? Servono oppure si può costruire un insieme di questioni reali anche senza il loro uso? E, dopo averne fatto a meno, si noterebbe che erano stai utili o no?
    Ecco la chiave della mia osservazione... tutto vero quello che dici ma quella donna che ti vuole bene ed ha sacrificato magari la vita per te e darebbe tutto e soffre se tu non stai bene si chiama Mamma. Hanno inventato una parola sola per dire tutte quelle cose, capisci. Bravo comunque... non sono in disaccordo, anzi. ciaociao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0