username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Lo specchio

Brutto e deforme, così stabilì il Fato.
Tutte le mattine, nelle acque limpide di questo lago, scruto se il mio naso sia migliorato, la gobba diminuita, il viso abbia ancora questa espressione cupa.
Cerco d'illudermi: si sa, per i miracoli occorre tempo.
Le mie speranze scompaiono al tramonto.
Durante la notte, strani pensieri mi assalgono:
l'immagine riflessa non è che una illusione, sono bellissimo, il lago deforma ogni cosa.
In strada mi guardano con commiserazione, i più superstiziosi chiamano a protezione gli dei.
Un pescatore del lago sorride.
Maledetto, non gl'importa pescare, è solo un trucco per guardarmi.
Penserà che ami questa odiata immagine.
Lo vedo già tornare a casa e raccontare:
"Anche oggi Narciso, sì lo storpio, è rimasto per ore a rimirarsi nel lago!"
Tutti rideranno.
Ultimamente un'idea è sempre più presente nella mia mente:
se mi lancerò contro l'immagine riflessa dalle acque, la distruggerò, e rotta l'illusione ottica, uscirò dal lago in tutta la mia sfolgorante bellezza.

 

l'autore Dino Borcas ha riportato queste note sull'opera

in: Dino Borcas - Piccoli crimini quotidiani - Ed. Il Ponte Vecchio, Cesena 2008
informazioni sul libro e altri brani in http://dinoborcas. it
14 video su www. youtube. com, con ricerca: Dino Borcas


un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

12 commenti:

  • teresa... il 15/05/2011 14:29
    CHE BELLEZZA CHE VERSI STUPENDI... ARTE. l'ho letta più di una volta ed e l'ascolterei infinitamente un abbraccio
  • Lele M. il 16/01/2011 20:15
    Il contatto col mito di Narciso mi appare più formale che sostanziale. Temo anzi che il parallelo abbia rovinato il gusto per una lettura che, almeno nella prima parte, stava restituendomi un interessante ritratto umano.
  • marilena il 12/01/2011 18:34
    interessante rivisitazione del mito del povero Narciso qui più tenero e sofferente di quello che rammentavo, HAI SAPUTO UMANIZZARLO
  • Dino Borcas il 02/01/2011 19:27
    grazie a tutti per i commenti,
    preferisco non farlo ogni volta, per lasciare il numero totale di essi il più possibile rispondente al numero degli interventi effettivi dei lettori...
  • Andrew Abel il 28/12/2010 22:05
    Convivere con il nostro aspetto e sperare a volte che non sia così com'è.
    Tema usato tantissimo ma di una verità assoluta. Mi è piaciuto molto, bravo!
  • Adriano Trabucchi il 28/12/2010 03:48
    il voler apparire diverso, ma abbiam catene e lucchetti che non possiam distoglierci.
    infrangiamo un'immagine infrangiamo uno "specchio" ma dietro l'angolo altre onde..
  • Anonimo il 27/12/2010 10:01
    hai demollito d'un sol colpo anni di studi! E con freud come la mettiamo, magari si in.. quieta un po'.
    Ottimo!
  • Michele Rotunno il 26/12/2010 22:28
    La notte è la coltre della fantasia, perchè buttarsi per deformare l'immagine se si posono chiudere gli occhi?
    Complimenti Dino, un bel 5
  • Maria Rosa Cugudda il 25/12/2010 15:09
    apprezzata molto per l'originalità ! il nostro profondo siamo noi e non l'apparenza!
    complimenti e un luminoso Natale! mrosa
  • Anonimo il 25/12/2010 07:16
    Bello questo Narciso "diverso"...è proprio vero, tutto ciò che è profondo ama la maschera(Nietzsche). ciaociao e Buon Natale, se senti questa festa.
  • Dino Borcas il 24/12/2010 21:11
    una rivisitazione del mito di Narciso...
  • Dino Borcas il 24/12/2010 21:10
    rispetto al libro, il testo è stato impaginato in modo differente (per rispettare le regole di Poesie e Racconti riguardo i racconti).
    La versione del libro può essere letta in: http://dinoborcas. it

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0

- Il video di quest'opera -