username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La tua danza si chiamava Vita

A soli diciotto anni nell'immenso mare di questa vita, tu sapevi trovarci la sabbia asciutta. Nei film che guardavamo assieme per te non c'erano mai squali ma delfini. L'asfalto non era mai esso, ma prato verde.
Amavi danzare, amavi il ritmo, eravamo compagni di danza un anno fa, bè lo siamo ancora, tu danzi di nuvola in nuvola, io nelle piste da ballo per conquistare sempre nuovi risultati, per renderti fiero di me. Ricordo come eri sempre allegro, ricordo quando arrivavano i giorni delle competizioni tu eri li, pimpate, sempre con la battuta pronta. E mi manchi ogni tanto sai? Mi manca il tuo in bocca al lupo. Perchè andasti via da me, da noi, cosi presto? Perchè la malattia decise di far frammenti dei tuo sogni? Eppure aspiravi a diventare il nuovo idolo della danza. Aspiravi a tanto. Era il tuo unico sogno. E lei te l'ha distrutto. Quanti giorni di lotta contro lei vero amico mio? eppure ci parlavi, ricordo che la chiamavi Miss Malata di mente ; Si per te lo era, perchè nella sua esistenza voleva solo portarsi via le persone, allora era malata, aveva qualche rotella fuori posto no? Ecco no ne usciva in modo incolume. Bè quanti giorni entravi a scuola di danza dicendo "Oggi sono vivo, oggi ho vinto io. Stiamo uno a zero" Mi piaccque tanto quel modo che avevi di reagire. Sapevamo tutti che quel giorno fosse alle porte. E io ero sereno, lo ero perchè tu non avevi paura delle morte, non avevi paura di andare a fare una lunga passeggiata Miss Malata di mente. E allora ti lasciai andare. Tutti ti lasciammo andare. Ma tu ci sei sempre con me. Ci sei alle competizioni. E ci sei nel mio cuore. Ciao amico mio

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Mauro Moscone il 31/01/2012 08:26
    Uno scritto pieno di vita e di grande pietas umana.
    LA vita continua nel ricordo e nell'energia della danza di Shiva.
    Molto bello
  • Anonimo il 03/06/2011 10:39
    Bello
  • Dario Truden il 31/12/2010 17:22
    Oh Giacomo sono onorato della tua lettura.
    Volevo dirti che questo raccontonto, è realtà. È un fatto realmente accaduto di un mio carissimo amico. Ciao grazie ancora
  • Anonimo il 31/12/2010 08:40
    Un mondo quello della danza che non è il mio, ma che importa. Poteva essere ambientato in ogni dove questo bel brano, questo sfogo pieno di realtà e di sentimenti buoni, come ce n'è ancora. E noi vecchi rimbambiti che non abbiamo fiducia dei giovani... leggiamo qui che belle parole.
    Quel sano contagioso ottimismo del tuo amico che danza fra le nuvole mi ha ricordato il mio amico Alessandro, il re degli ottimisti. ho scritto un racconto sul suo ottimismo incredibile... ciaociao
  • Dario Truden il 30/12/2010 14:07
    Grazie mille Giuseppe. Grazie della tua attenzione verso le mie parole
  • Giuseppe Tiloca il 30/12/2010 10:09
    Bellissimo sentimento espresso da una persona di cuore come te. Nonostante l'avessi già letto, ieri, mi ha fatto piacere rileggerlo con più attenzione, per evidenziare quali sono i tratti più toccanti e vivi.
    Bravo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0