PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Amica

Credo che la curiosità sia, nel bene e nel male, l'elemento che può fare la differenza tra un essere e l'altro. Il Sommo scrisse "fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e conoscenza" ed io fin dai tempi delle scuole ho fatto mio questo "consiglio", in modo da non dover un giorno dire "chissà...".
Ho un amico, tal Vincenzo, da tempo separato, che non ha più ritenuto opportuno legarsi ad altre donne ed ha trovato il suo equilibrio intimo frequentando sistematicamente prostitute. La sua scelta non è mai casuale, è sempre una scelta ponderata e soprattutto azzeccata. Quando ne trova una all'altezza della situazione diventa la "sua" donna, instaurando con lei un rapporto di complice amicizia.
Della donna del momento, una Venezuelana di 25 anni, è da tempo che mi parla un gran bene, ma tanto bene da scatenare in me una curiosità di conoscerla che fatico a gestire. Non ho difficoltà ad ammettere di non aver mai avuto occasione di andare con una prostituta, anzi, la cosa non mi ha mai attratto, ritenendo poco allettante l'idea di non arrivare al "rapporto" dopo aver esercitato da entrambe le parti quel sottile gioco erotico che fa scatenare la sana voglia...
Decido comunque di provare questa esperienza, in modo piuttosto razionale ma comunque senza alcun pregiudizio, esclusivamente spinto dalla "curiosità" di conoscere questa ragazza "speciale".
Era un giorno di fine estate, mi presento alla porta dell'appartamento, dopo aver telefonato per verificare la "disponibilità" ed ecco la prima sorpresa: la bellezza di questa ragazza supera ogni più rosea aspettativa, ma soprattutto mi colpiscono di lei, in modo prepotente, due cose: la bellezza della sua bocca ed il fatto che mi accoglie con un sorriso come pochi se ne vedono.
Due labbra perfette, carnose al punto giusto i cui contorni disegnano un cuore "schiacciato", il colore roseo naturale lascia immaginare quale possa essere la loro morbidezza. Questo già è sufficiente per "promuovere" questo incontro, ma ancora ho molto da scoprire. Subito mi mette a mio agio cercando di parlare un po' di cose banali, ed appena dopo c'è il rito della "trattativa economica" che trovo alquanto squallida ma che mi rendo conto non si possa eludere.
E poi mi chiede: "Amore, cosa vuoi fare?" Ritengo giusto, a questo punto, mettere subito in chiaro che non voglio essere chiamato "Amore. Non abusiamo di parole che hanno un significato ben preciso, non ce n'è alcun bisogno, e poi, per quanto riguarda "la prestazione", beh! Le dico: "affidiamoci alla spontaneità", vediamo dove ci porta.
Le chiedo quindi di lasciarsi spogliare da me di quei pochi vestiti che ha indosso e, pian piano, slacciando la camicetta, libero due seni giovani e altezzosi, sovrastati da turgidi capezzoli rosei su un'aureola piccola, piatta e liscia come poche ne ho viste.
Ora tocca alla gonna: a tubino, fin sotto al ginocchio con uno spacco sul lato sinistro che arriva a metà coscia, ed è da quel pertugio che posso accarezzare la pelle delle sue gambe per provare a sentire se mi dà "quel brivido" che mi comunica il gradimento della persona.

12

1
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Bianca Moretti il 22/07/2011 17:30
    Niente di troppo esagerato.. scritto davvero molto bene, con delicatezza ed eleganza... nulla a che vedere col volgare sesso a pagamento. Bravo
  • cristiana melis il 08/03/2011 10:29
    Bellissimo... intenso... più completo di un rapporto completo! Complimenti. Il mio commento non è ironico verso il tema trattato, mi ha colpito la bellezza e l'eleganza del momento descritto! ps: Puoi dare ripetizioni a mio marito sui massaggi? Complimenti seri, a parte lo scherzo.
  • Francesca La Torre il 09/01/2011 08:21
    hai fatto bene a provare e' bello proprio perche ' un pochino " esagerato' oltre a quello che ho gia' scritto.
  • mario rossi il 08/01/2011 19:34
    avevo paura che il tema fosse un pochino "esagerato" ma mi son detto... meglio provare esagerando che non provare...
  • Francesca La Torre il 08/01/2011 19:10
    Molto ben scritto, complimenti, si legge tutto d'un fiato. Piaciuto molto.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0