accedi   |   crea nuovo account

Raccolta differenziata

"Ieri non c'era. O forse non lo avevo notato, preoccupato com'ero a trovare i dollari che mi mancavano per pagare il debito con Frank. Oggi invece l'ho visto bene, proprio bene: mi domando come ho fatto a non notarlo prima. Fingo di ignorarlo, debbo pur sempre risolvere il mio problema principale. Frank è un amico, un buon amico, non s'incazza quasi mai, ma quando s'incazza... Dio, non voglio pensarci! Non posso più chiedergli una dilazione. L'ho già fatto troppe volte. L'ultima me lo ha detto chiaro e tondo: ora basta, o mi paghi o...! Cosa intendeva non è difficile capirlo, conoscendo Frank. Mi ricordo di Daniel... eccome se mi ricordo. Sarà per questo coso, questa novità, ma non riesco a pensare in modo concreto. Sto divagando con la mente. In fondo Daniel non era un suo amico, per lo meno non come lo sono io. Quante sbornie e quante puttane insieme col vecchio Frank! Non riuscirei a contarle! E poi me l'ha anche detto, quella volta che uscimmo dallo Zanzibar dopo aver steso quei due fottuti marinai norvegesi... io, a te, le mani addosso non le metterò mai! Rischierei di farmi del male. Però quel coso non è poi niente male. Dev'essere un modello nuovo. Quello vecchio me l'hanno portato via. Sarà stato qualche barbone che voleva farsi la cuccia per la notte. Ci hanno messo un bel po' di tempo, quelli del Comitato di Quartiere, ma alla fine... Saranno quattro mesi, anche più, che ho fatto domanda. Mi ricordo, c'era anche Frank quando sono andato a compilare il questionario. È proprio vero che gli amici veri si vedono nel momento del bisogno. Frank lo sa che non me la cavo troppo bene con una penna in mano. Preferisco un coltello, meglio ancora una pistola! Quasi quasi lo inauguro subito. Sono tre giorni che ho quelle teste di pesce in frigo. Ai soldi ci penso dopo... tanto per quel che vale pensarci: mica spuntano dal nulla."
Burt aprì con cautela il frigo, cercando di non inalare il tanfo che si sprigionava dal pacchetto, raccolse in un sacchetto altre immondizie sparse per la cucina, scese il vialetto fino al nuovo bidone dell'immondizia e sollevò il coperchio. L'esplosione mandò in frantumi i vetri della palazzina. La sua testa, o quel che ne restava, fu trovata a due isolati di distanza.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0