PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'ultimo contratto 2

Il ritiro di Moretti

Ho ucciso Ziegler tre mesi fa, ho dovuto farlo, non avevo scelta, e da allora la mia vita è cambiata.
È cambiata già nel momento stesso in cui premevo il grilletto, mentre lui mi ringraziava perché mettessi fine alla svelta alla sua esistenza.
Pochi minuti prima gli avevo chiesto del perché della sua sventatezza, l'aver rivelato il proprio nome è una regola che nel nostro campo non si deve mai infrangere e lui, poi, l'aveva fatto per ben due volte nella stessa missione. Avevo intuito che ci fosse di mezzo una donna, lui me l'ha confermato. Era ciò che volevo sapere perciò gli ho sparato al corpo e non alla testa, come nostra abitudine.
Per farlo fuori ho dovuto servirmi di un secondo sicario, non era facile eliminare il numero 1 dell'Agenzia, in uno scontro diretto forse non ci sarei riuscito ma volevo parlargli prima che morisse, volevo sapere il perché del suo atteggiamento. Per questa bramosa curiosità ho sacrificato l'altro sicario, votato in partenza alla morte, perché Ziegler è uno tosto. Anzi lo era.
Aveva in mente di vendicare la morte della sua donna, da lui stesso fatta fuori per contratto, è entrato nel salone del suocero armato con due pistole. Ho detto al secondo uomo appostato alla sua sinistra di far fuoco appena lui estraesse le pistole e così ha tentato di fare, ma non sapeva di tenere sotto tiro Ziegler che fulmineo ha sparato incrociando le armi. Due colpi in tutto, alla testa, uno alla sua vittima predestinata e l'altro al sicario alla sua sinistra. Solo allora ho fatto fuoco anch'io, alla sua destra, cogliendolo al fegato ma sconquassandogli tutto il torace.
Perché Ziegler? Perché tanta inutile distrazione? Una donna vale la vita di un uomo? Un uomo di nome Ziegler? Questo volevo sapere direttamente da te e per questo non ho mirato alla tua testa.
Da quel giorno sono passati tre mesi, la vita doveva rientrare nella sua quotidianità e tale è sembrato, invece nulla per me è stato come prima.
Tutti abbiamo una donna che nella nostra vita occupa uno spazio, quello che noi le concediamo illudendola di essere la sovrana del nostro rapporto, la regina dei nostri sensi, la gendarme del nostro cuore, ma noi dovremmo essere persone normali invece non lo siamo. Siamo i dipendenti di una Agenzia speciale, che si occupa di morte, siamo killer professionisti, ben pagati per le nostre prestazioni di alta precisione e assoluta affidabilità e le nostre donne sono le prime vittime dì questa professionalità. Esse conoscono di noi solo ciò che noi concediamo loro di sapere sul nostro conto. Nomi, cognomi, origini, lavoro, sentimenti, tutta una finta facciata dietro cui si cela il vero individuo, impassibile, spietato, cinico, sordo al richiamo di qualsiasi sentimento. Ma fino a che punto?
La mia donna si chiama Noelle ed è la traduzione esotica di Natalina, il nome datole all'anagrafe dai genitori, siciliani purosangue; a lei non è mai piaciuto e, dopo diversi tentativi di modificarlo, appena uscita fuori di casa è passato da Lina a Noelle.

123456789

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Michele Rotunno il 24/01/2011 11:44
    AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAH!
    RISATA GRASSA E COMULATIVA DI TUTTI GLI AMICI DI POESIERACCONTI.
    BEN TI STA! ALLA TUA ETà QUESTE COSE NON SI FANNO E, SEMMAI, SI FANNO TRA LUGLIO E AGOSTO.
    TI RISPEDISCO AL PRIMO RIGO...
  • Anonimo il 24/01/2011 11:21
    Molto fredda... gelida. Ho fatto mezz'ora di immersione per pulire le eliche della barca e sono uscito violaceo. Ho chiesto subito una bottiglia di grappa. Non c'era. Allora vin brulé... nemmeno. Giocoforza mi son messo sotto le coperte con la borsa dell'acqua calda e mi sono messo a pensare che dopotutto mi mancavate voi amici di poesieracconti. Ciaociao.
  • Michele Rotunno il 24/01/2011 10:58
    Armati di santa pazienza perchè potresti commentarne una dozzina, fino al completo esaurimento della saga. Devo trovare solo il tempo per scriverli.
    Grazie Giac. era fredda l'acqua?
    Ciao
  • Anonimo il 24/01/2011 07:54
    Bella anche la seconda parte... ma se non sbaglio la storia non è finita, giusto? Quell'orloff non mi convince. Lo devi far ammazzare dal nostro perchè sicuramente tenterà di riportare Moretti in Agenzia. vabbè... vedremo. ciaociao
  • Anonimo il 23/01/2011 08:41
    Ciao Michele... eccomi rientrato... ho iniziato a leggere ma non capivo... poi ho notato quel 2 ed allora vado a leggere la prima parte... ciaociao.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0