accedi   |   crea nuovo account

L'inizio

Fummo noi il primo gesto d'amore.
Angeli, esseri perfetti plasmati e creati su sua immagine e somiglianza..
Creati, unicamente per vivere, per essere amati.

All'inizio dei tempi v'èra il regno di Dio, e nient'altro.
Luce perpetua riflessa su straordinari palazzi di cristallo, colori accesi,
d'intensità talmente vaste e differenti da riempire l'anima.
V'èra il regno di Dio, per noi, e nient'altro.

Eppure c'èra qualcuno tra quegli esseri perfetti, i più anziani di loro,
a conoscere quale fosse il successivo passo, quel che sarebbe stato.
Perchè il suo amore non ebbe fine, e nella solitudine del suo essere, Dio immaginò
i propri figli liberi di toccare, sentire e godere di quella vita stessa troppo perfetta però
per esser chiamata tale.

E il mondo, l'universo, la natura come tutti conoscono,
vennero ideati col solo scopo di servire l'uomo,
anche lui fatto a sua immagine e somiglianza, carico di quelle emozioni che finalmente
potevano vivere.
Tutto fu fatto per loro, anche noi.

Ma il fulcro di quel dono ormai cancellato, dimenticato dai figli stessi,
fu la libertà, parole che non hanno più alcun senso in un mondo
sul punto di morire. Libero arbitro.
Furono liberi dal primo istante gli uomini, liberi d'essere ciò che volevano,
liberi di credere o meno nel loro padre, liberi d'amarlo e odiarlo, di scegliere
tra il bene e il male creato da lui stesso.. creato unicamente per dar loro la facoltà
di scegliere..
Non esiste amore più grande.

Molti tra noi scelsero di divenire come loro,
noi che avevamo ora lo scopo di proteggerli,
guidarli, difenderli sempre e comunque.
Amarli.. è questa la nostra immortale esistenza.

Questo fu l'unizio.



123

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 25/01/2011 11:35
    È cosi' importante sapere dove ci portera' il destino? Quei fili della vita che oscillano portati dal vento, cosi' fragili e scoperti alle tempeste, che possono andare in una direzione piuttosto che in un'altra: il nostro destino, appunto. Se ci si sofferma quasi soffoca nella gola questa consapevolezza, ma è cosi.
    Complimenti.
    Monica
  • Anonimo il 25/01/2011 09:28
    Per il momento solo il voto, vorrei rileggerlo poi con calma e dedcargli il giusto tempo e la giusta attenzione. Scappo, a dopo...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0