accedi   |   crea nuovo account

Poi diventi un ricordo

Poi diventi un ricordo. Tu che ci credevi ancora.

Alessio non credeva più a niente ed era giunto alla conclusione che in fondo era meglio così.

Guardava le onde del mare mentre stancamente si faceva intorpidire il cervello dal vocio che lo circondava. Avrebbe potuto asserire con certezza che in quel momento fosse invisibile. La gente sembrava non vederlo o ignorarlo, come sempre del resto, e il mondo faceva altrettanto. Prese tra le mani un sassolino frugando nella sabbia e lo lanciò contro la distesa azzurra maledicendola e inveendo mentalmente contro l'aria romantica che si portava dietro quella coppietta che passeggiava mano nella mano nell'acqua. Si guardavano e sorridevano in una sequenza sempre uguale ripetuta all'infinito.
No, Alessio non ci credeva. Non doveva lasciare che quella sensazione crescesse in lui. Perché lei non esisteva.
Si sollevò stancamente dal suolo e si diresse verso la superficie bluastra così chiara. Invitante.
L'acqua lo bagnò trasmettendogli un piccolo brivido lungo la schiena che gli fece tornare in mente il suo volto così chiaro e i suoi lineamenti dolci.
Fissava l'orizzonte in quel confondersi tra mare e cielo con ara assente. Fu allora che gli tornarono in mente i suoi occhi cerulei e gli si appannò la vista. Lei ormai era una canzone che nessuno cantava più.
Che nessuno aveva composto.
Era grazia sputata dal cielo, troppo bella e perfetta per essere vera.
Per questo Alessio sapeva che lei non esisteva e non era mai esistita.
Era stato solo un sogno, solo tutto un sogno e nient'altro.
L'acqua lo bagnava solo fino alle ginocchia. Si gettò bagnandosi completamente. Restò un po' con la testa sott'acqua senza respirare, godendosi quell'illusoria assenza di peso. Guardò il blu che lo sommergeva e sorrise. Ora lei non c'era ed era tutto finito perché lei l'aveva dimenticato ed era felice con un altro.
Lui che ci credeva ancora.
Ma lei era un sogno.
L'unico che ormai gli restava.
Sentì improvvisamente, sollevando la testa dall'acqua per riprendere fiato, una musica lontana provenire dalla spiaggia. Era una canzone dalle sonorità latine. Ci mise un po' per comprenderne le parole, la voce calda e dolce cantava "ama..."
Quella parola lo infastidì tremendamente. Odiava quelle stupide canzoni senza senso. Era solo musica bugiarda e velenosa.
Non appena ti abbandoni alla dolcezza delle sue spire lei tace, la traccia finisce e tu puoi anche farla ricominciare ma non serve a nulla: lei finirà ancora e ancora. Per questo Alessio non credeva più a niente, ormai aveva capito il meccanismo perverso dell'innamoramento. Non si ama mai per sempre.
Camminò . Camminò finché l'acqua non divenne tanto alta da impedirgli di toccare il suolo. Chiuse gli occhi. Tornò a lei. Maledetta. Si lasciò andare verso il fondo. Il silenzio e il blu profondo che lo inghiottivano creavano una pace assoluta. Nessun dolore. Nessuna emozione. Poi non sentì più nulla.

12

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Anonimo il 29/01/2011 12:43
    Non apprezzo molto questo tipo di narrazione; e purtroppo non sei l'unica a scrivere in questo modo. Quanto al contenuto, sì, c'è qualcosa di buono relativo all'introspezione del personaggio
  • ayumi il 28/01/2011 19:03
    bhè forse hai ragione riguardo l'annegamento! non ci avevo pensato... grazie per il commento e la critica!^^
  • Anonimo il 28/01/2011 16:33
    Ben scritto... quattro stelle perchè è il tipo di storia che non mi convince ma con un altro genere penso che tu possa benissimo averne cinque. Le introspezioni di Alessio sono ben trasmesse e coinvolgono il lettore. Scrittura anche scorrevole... buona la scarna punteggiatura, essenziale, non leziosa.
    Poi io sono un istruttore subacqueo ed allora, sapendo che devo mettermi dodici chili per andare a fondo, il suicidio in quel modo non torna bene. Comunque il giudizio è positivo... non fraintendere. ciaociao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0