PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il mestiere del sicario

Fuori infuriava la tempesta, la pioggia cadeva incessante accompagnata da un terribile susseguirsi di tuoni e lampi. Tziu Luisi, all'interno della sua squallida casupola di campagna, sedeva pensieroso dinanzi al focolare; attendeva visite e, date le avverse condizioni del tempo, cominciava a dubitare che quell'uomo sarebbe arrivato:- Aspetto invano: in una tale nottata nessuno si metterebbe in viaggio! Forse è meglio che vada a letto, si farà certamente vivo nei prossimi giorni-. Scoraggiato dall'inutile attesa, il vecchio si alzò faticosamente dallo sgabello, quando tutto ad un tratto si udirono due tocchi decisi sul portone. Sorpreso, si avvicinò lentamente all'uscio e, levato il ferro, aprì leggermente: davanti a lui apparve un uomo inzuppato fradicio, avvolto in un lungo cappotto d'orbace, col viso seminascosto dal largo cappuccio acuminato; una figura alquanto inquietante e misteriosa. Dopo un attimo di silenzio, tziu Luisi invitò il sicario ad entrare:- Vi attendevo con ansia, entrate vi prego, sedete dinanzi al camino-. Appoggiato il fucile a doppia canna, il sicario sedette senza pronunciare una parola, impassibile, come totalmente privo di emozioni. Traspariva in lui solo una certa fretta di concludere l'affare. L'anziano pastore, senza perdere alcun tempo, porse all'uomo un'ingente somma di denaro ma non prima di averlo messo in guardia con le seguenti parole:- Ecco a voi la somma pattuita. Badate, però, di non fallire nell'impresa! Simili affronti non possono essere vendicati che con la sola morte!-. Intascata la somma, il killer tenebroso scattò in piedi; fissando il mandante con occhi scintillanti rispose sicuro:- Sarete pienamente soddisfatto dei miei servigi, datemi solo sette giorni-. Lasciata la casupola montò il suo cavallo nero e, come l'ombra del male, sparì rapidamente nella notte tempestosa. In una terra di odi e inimicizie quale era la Sardegna, il mestiere del sicario era assai diffuso; non erano in pochi a rivolgersi a tali individui, spesso banditi, per liberarsi dei propri nemici. La famiglia di Tziu luisi era stata vittima di un dramma, per quei tempi imperdonabile: un giovane incauto, di nome Marieddu, aveva mancato alla promessa di matrimonio nei confronti della figlia del vecchio; tale gesto destò irrimediabilmente la sua ira e, nonostante le tristi lacrime della ventenne, fu irremovibile dall'attuare i suoi propositi vendicativi. L'onore era tutto! Violarlo con simili atti sconsiderati, significava andare incontro ad una serie di tremende disgrazie. La mattinata era gelida; il fitto bosco ai piedi del monte, dove Marieddu soleva abitualmente recarsi per tagliare del legname, era deserto, avvolto in una nebbia fittissima. Non badando a fatiche, il giovane laborioso abbatteva svelto vari arboscelli, assicurandosi una discreta quantità di legna da ardere. Non molto distante dal ragazzo, avanzava a passi lenti il sicario, sicuro di cogliere la vittima alla sprovvista. E vi riuscì. Non trascorse molto che, distratto dal calpestio delle frasche, il giovane si voltò atterrito. Un'amara sorpresa! Alla vista di quell'oscura sagoma dal fucile spianato, Marieddu rimase come elettrizzato; la scure gli scivolò lentamente dalle mani come se fosse stato colto da una paralisi improvvisa. Sapeva bene chi fosse e cosa volesse quell'uomo, aveva dinanzi agli occhi il suo carnefice, ben consapevole di non poter più tornare indietro. In pochi istanti una moltitudine di pensieri attraversarono la mente del giovane sventurato: quello di mancare al giuramento di matrimonio era stato certamente un errore fatale; in fondo, doveva aspettarselo! La sua vita giungeva ora all'epilogo e un'eventuale fuga sarebbe stata inutile. Sconsolato chiese in cuor suo perdono e, inginocchiatosi, attese che il piombo infuocato lo finisse... Fu un improvviso levarsi di uccelli, un'eco sorda nella desolazione del bosco. Il lavoro era stato portato a termine.

 

2
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Massimo Bianco il 15/05/2011 20:49
    Visto che chiedi un comemnto, eccolo: la trama è ben condotta, la spietatezza di quella terra ben esemplificata, a mio parere però il racconto non porta da nessuna parte. È un "quotidiano caso di cronaca nera da quotidiano" senza nulla che lo faccia spiaccare rispetto a mille altre storie simili. Qualcuno paga un sicario per vendicare uno sgarro, il sicario esegue e tanti saluti. Storia povera, troppo povera, ripeto, a mio parere.
  • Anonimo il 15/05/2011 16:24
    Sintetico e conciso il linguaggio del racconto come lo è la storia che sarà anche una trama sfruttata ma sempre di sicuro effetto e di forte impatto letterario/visivo. Coinvolgente e drammaticamente resa dai contorni cupi e tenebrosi della nottata temporalesca. Un buon lavoro davvero!
  • alessandra scodino il 15/03/2011 19:47
    fu un improviso levarsi di uccelli... desolazione nel bosco... immagino questa scena, un bel racconto... complimenti
  • Anonimo il 29/01/2011 12:38
    Scrivi bene. Certo la trama non è del tutto originale. A volte la punteggiatura che metti rallenta la lettura. Ciao!
  • Anonimo il 29/01/2011 11:48
    Un racconto gelido scritto con abilità. Io non avrei saputo scriverlo, un racconto come questo, nonostante la mia età da prima guerra punica mi abbia permesso di vedere molto, nella vita. Un po' perchè non è il mio genere, ma anche la tecnica del mio modo di scrivere non si adatterebbe. Quindi, a conclusione del mio ragionamento, non posso che farti i miei complimenti. Poichè è un cinque stelle mi permetto di consigliarti una piccola modifica. Mi riferisco a questa frase "Non molto distante dal ragazzo, avanzava a passi lenti il sicario, sicuro di cogliere la vittima alla sprovvista, e vi riuscì." Prova a mettere un punto subito dopo sprovvista. Poi riprendi dal punto e con uina frase sei dici: E vi riuscì. per me è più immaginativo. Comunque è solo un punto di vista... ciaociao.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0