accedi   |   crea nuovo account

Machiavellica Eva

Il suono del cellulare, fece trasalire Ruggiero intento a disegnare le ultime pagine del suo fumetto. Era un sm. Incuriosito, l'aprì, e a suo grande stupore lesse: ( Non puoi lasciarmi così, io ti amo e se non mi rispondi mi ammazzo) non c'era il nome, il numero gli era sconosciuto. "Che fare?" Non conosceva nessun'altra, e lui amava la sua compagna Eva, che fra l'altro era gelosissima. Tentennò un attimo e poi decise di rispondere alla folle che voleva ammazzarsi,"già la folle" pensò. Era una donna? E se fosse stato un uomo? Si fece coraggio e rispose al messaggio come se lui fosse stato il vero destinatario:
( non ti lascerò, sogni sereni, anche io ti amo)
Il telefono squillò ancora una volta, incuriosito lesse:
( ero certa che, non mi avresti abbandonata. Ci vediamo domattina, ti aspetto al bar della stazione alle ore 09, 00.)
Ruggiero si era appena reso conto del pasticcio in cui si era cacciato e non sapendo cosa fosse stato giusto fare, rispose (ok.) Almeno, sarebbe andato a letto senza avere sulla coscienza un suicidio.
Erano le 09, 00, entrò nel bar. Una donna bionda seduta al tavolo, sorseggiava un tè, si avvicinò per domandarle se era la persona del messaggio, ma girandosi vide entrare Eva che, decisa, s'avventò su di lui insultandolo. L'accusò d'essere un traditore e minacciandolo con un ombrello gli ordinò di lasciarla in pace per sempre. Ruggiero cadendo dalle nuvole voleva spiegarle l'equivoco, ma tutto fu vano.
La sua Eva era uscita per sempre dalla sua vita. Gli fece trovare sulle scale tutti i suoi effetti personali e guardandolo con distacco chiuse la porta alle sue spalle. Un sorriso di vittoria si disegnò sul suo volto, finalmente c'era riuscita, poteva sistemare negli armadi i vestiti di Giulio.

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Anna Giordano il 18/02/2012 09:59
    Scusa il mio ritardo, Elisa, nel ringraziarti per avermi onorata della tua lettura. Il titolo è quello del concorso che si ripete ogni anno, se per caso vorresti parteciparvi con un tuo racconto.
    Grazie ancora ciao!!!
  • ELISA DURANTE il 23/05/2011 19:57
    Stupendo! E bellissima l'idea del "cielo in una stronza" ! < m'attizza>, tanto per parlare italiano!!!
  • Anna Giordano il 21/02/2011 23:08
    Grazie Roberta, le donne ne sanno sempre una più del diavolo, no?
    Ciao!
  • Anonimo il 21/02/2011 13:56
    ahahahah davvero simpatico!!!
    certo che quando vogliamo sappiamo essere davvero...
  • Anna Giordano il 18/02/2011 19:39
    Bravo, Giorgio! Hai dato la giusta definizione ad Eva. Il racconto l'ho scritto per un concorso dal titolo, appunto, Il cielo in una stronza, non oltrepassando le 1800 battute spazi inclusi, bisognava raccontare la storia di una coppia che finisse male per causa della donna che il titolo del concorso esplicitamente definisce...

    Grazie per il tuo commento e per avermi letto. Ciao a presto!
    Anna
  • Anonimo il 18/02/2011 18:10
    Machiavellica e un po' stronza, Eva. Ti pare? Io tifavo per lui... ahahahah... simpatico racconto. ciaociao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0