accedi   |   crea nuovo account

Libia

Le recenti vicissitudini nord africane, in generale, che hanno interessato tutto il mondo islamico e in particolare la Libia hanno dato da pensare. Vi è, infatti, una constatazione di fondo che occorre fare, quella che tra i tanti movimenti di protesta esplosi dall'Atlantico al mar Rosso, concentratasi per determinazione e violenza in Libia, spicca la totale assenza di integralismo islamico.
Gheddafi tuona asserendo che se la rivoluzione dovesse imporsi la Libia cadrebbe in pasto ai fondamentalisti di al-Qaida cercando in tal modo di scoraggiare l'occidente a dar man forte ai rivoltosi. Intanto è riuscito a investire miliardi di petrodollari per assoldare non truppe ma eserciti mercenari con i quali sta riguadagnando le posizioni perse in partenza.
I rivoltosi libici affermano che la loro rivolta non ha nulla da spartire con i fondamentalisti e c'è da crederci perché almeno fino ad oggi non ci sono state avvisaglie di proclami da parte dei seguaci di Bin Laden.
Identico discorso è valido per le sommosse in Tunisia, Egitto, Marocco, Yemen. Manca in questo elenco l'Algeria, ed il fatto è piuttosto strano poiché proprio in quello stato nord africano per anni, fino all'altro ieri, il fondamentalismo ha dato parecchio filo da torcere al potere governativo.
Tanto premesso la riflessione, come suol dirsi, sorge spontanea, ma dove sono gli integralisti? Possibile che nel covo dove si è rintanato Bin Laden non vi sia alcun modo di fargli arrivare le notizie dal mondo? Possibile che uno sconvolgimento così epocale non abbia attirato quanto meno l'attenzione del re dei sabotatori e agitatori islamici? Vien quasi da pensare che vi sia tra le fila dei fondamentalisti il più alto menefreghismo per quanto riguarda il mondo islamico nord africano, cosa che appare tanto improbabile quanto sconvolgente.
È pur vero che le masse proletarie del nord africa si sono agitate per malumori di pancia e ribellate per necessita virtù contro un potere dittatoriale tenuto più o meno fermamente da pochi dittatori, rivestiti da una falsa patina democratica, ma bisogna anche ricordare che in Egitto, al pari dell'Algeria, i fondamentalisti sono stati molto attivi in passato. In passato, già, ma ora? Dove sono finiti gli attentatori dinamitardi che hanno scatenato il terrore sulla costa egiziana del mar Rosso? Non cito i luoghi per pura ignoranza linguistica, ma ci capiamo lo stesso.
Il tutto è avvenuto in poco più di una quarantina di giorni, Ben Alì e Mubarak buttati fuori, estromessi dal potere con grande debacle della loro salute, il primo pare sia morto e il secondo starebbe più di la che di qua. Curioso come il mondo sia piccolo, quando un potente cade rovinosamente la prima certezza della sua caduta è il malessere fisico. A farci caso avviene anche dalle nostre parti, appena un furbetto, di quartiere e non, viene accompagnato in luoghi di villeggiatura con gradevole temperatura dopo un paio di giorni comincia a star male e gli avvocati ne richiedono a gran voce il reintegro nella società per incompatibilità di salute. Evidentemente a Ben Alì e a Mubarak non sono riusciti a dar loro degli avvocati efficienti.
Ma torniamo alla domanda di fondo, Bin Laden dov'è? Uno stratega come lui avrebbe cavalcato con gioia l'onda della sommossa in quei paesi, soprattutto in Egitto dove pare si stia accendendo un altro fuoco sociale tra musulmani e copti e, invece, latita come un timido scolaretto che evita di farsi interrogare per non aver studiato.

123

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Leonardo Vannimartini il 17/04/2011 13:30
    Bella riflessione. Chissà cosa ci raccontano i giornalisti!? Spesso vedo in televisione scene che sembrano preparate, bisogna sempre tenere in mente che tutto quello che mostrano in video è ripreso da telecamere, e poi viene montato e commentato come gli pare dai tecnici e i giornalisti.
  • Anonimo il 19/03/2011 13:59
  • Michele Rotunno il 16/03/2011 14:44
    Grazie Bob, è da un po' che non ti sentivo, mi fa piacere la tua passata. Ti comprendo benissimo, questa si chiama la sindrome dell'onesto cittadino.
    Ciao
  • Bob di Twin Peaks il 15/03/2011 23:29
    Il tuo ragionamento non fa una piega, sono stra d'accordo... ma mentre ardo di nervoso perchè un argomento così lampante non è discusso, mi arriva già un altro pensiero, una secchiata d'acqua, che noi ci possiamo arrovellare quanto vogliamo, ma
    a chi "conta" non gliene frega niente... boh, non so se si capisce cosa intendo dire, ma consoliamoci pensando che almeno non ci facciamo prendere in giro tanto quanto vorrebbero... ciao Michele ottima analisi la tua
  • Michele Rotunno il 14/03/2011 10:54
    Giac, privatamente sono stato insignito della qualifica di giornalista freeland, per caso ne sai qualcosa? Oddio, i complimenti mi fanno piacere ma quando sono troppi arrossisco hahaha.
    Ciao
  • Michele Rotunno il 14/03/2011 10:53
    Non nascondo i miei timori in proposito, circa la seconda schiera, per la manipolazione nutro solo qualche sospetto ma è ancora presto per enunciare teorie più concrete. Di sicuro c'è che per ricucire occorre stoffa e filo nuovo.
    Ciao Nunzio
  • Anonimo il 14/03/2011 10:37
    Bin Laden, vero o immaginario che sia, rappresenta il classico specchietto per le allodole. Vale a dire noi. Nel caso degli ultimi avvenimenti nell'Africa del Nord, credo al pari di te che non c'entri per niente. Dubito però che la sollevazione popolare praticamente simultanea in più stati sia dovuta solo ad uno spirito di ribellione. Per meglio dire, credo che lo spirito di ribellione sia stato manipolato ad arte da qualcuno che c'è ma non vuol farsi vedere. Per adesso. Certo le mie sono solo supposizioni, ma alla fine della storia qualche paese europea trarrà vantaggio da questi fatti, e qualcun altro no. Penso l'Italia farà parte della seconda schiera.
    Ciao Michele.
  • Anonimo il 13/03/2011 20:05
    Allora Michele, prima ancora di commentare ti ho dato cinque stelle... non la faccio lunga perché se comincio scrivo più del tuo fantastico pezzo di realpolitik, un bel pezzo giornalistico davvero. Allora ti dico solo: 5 nella forma e 5 nel contenuto. 10... stelline... ti ho votato due volte ma non le prende... ciaociao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0