PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Un'ultima bevuta con mio fratello

«L'altra volta mi hai fatto male! »
«Hai ragione, scusami. » risposi.
Si riferiva alla settimana scorsa quando lo atterrai con un pugno in pieno volto, e lui scomparve nella notte di quel mercoledì stupido e pieno di ricordi.
«Di che stavamo parlando? »
«Di stronzate, come al solito. »
«Le nostre non sono mai stronzate, spesso intavoliamo dei bei discorsi. »
«Tipo? »
Lui sorseggiò la Guinness e rifletté sulle ultime uscite assieme.
«Per esempio quella volta che discutevamo della chiesa... »
«Ma andiamo! Discorsi da bar, come al solito. »
«Davvero? »
«Credimi, potremmo parlare di quello come di un letto reclinabile per levarsi dal letto ogni mattina prima delle dieci. Non farebbe alcuna differenza. »
Inarcò le sopracciglia e mi domandò:
«Che cosa? »
«Ma sì, un letto che si solleva del tutto e ti mette in piedi. L'ultima spiaggia per l'uomo che non sente la sveglia mattutina. »
«Beh, così ti alzi di sicuro... »
«È quello che dico io, o ti alzi o cadi a terra. In ogni caso ti svegli. »
«Che risveglio di merda, però. »
«Perché? Ce ne può essere mai uno buono? »
Si avvicinò la cameriera più bella del mondo, quella con il bel culetto che saltella insieme ai passi dei suoi tacchi, quella di cui non ricordo mai il nome, Emma, e disse che il proprietario voleva offrirci un giro di rum. Lo faceva di tanto in tanto con i clienti abituali, per renderli ancora più abituali. Non per amicizia, solo per affari.
«Portali, tesoro. E versane uno anche per te. »
«Io non posso bere mentre lavoro... » si giustificò.
Mio fratello la guardò dall'alto in basso.
«Senti, vuoi che continuiamo a restare clienti abituali? » le disse, «Allora versati un rum e bevilo con noi. »
«Dovrei chiedere al padrone. »
«Chiedi a chi vuoi, ma non privarci della tua compagnia... »
Lei trotterellò via e si infilò nella porta sul retro, ufficio privato del boss.
«C'è sempre un padrone e sempre un sottoposto, vedi? » mi disse mio fratello.
«Hai scoperto l'acqua calda. » gli risposi.
«Secondo te ritorna? »

123456

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Noir Santiago il 17/03/2011 12:11
    Mooolto bello. Ambiente, dialoghi, personaggi appena tratteggiaiti, ma forti, davvero super.
  • Anonimo il 14/03/2011 17:04
    !!! Mancava giusto il seguito! Peccato sia l'ultima...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0