accedi   |   crea nuovo account

COLORE FANTASMA

Cammino lungo il corridoio, trovo la tua camera e mi fermo.

In visita all’ospedale, ho visto muri troppo spogli per dare calore e finestre senza vedute, l’aria pesante odorava di malattia e i tuoi occhi stanchi mi hanno chiesto di portarti a casa.
Medici e infermieri controllavano i tuoi battiti ribelli ogni volta diversi, sembravano odiare quel monitorare nauseante della loro corsa lenta oppure impazzita.
Cammino ancora, questo corridoio non finisce mai! questa volta ci sei tu al mio fianco, mi mostri l’ospedale come farebbe la guida più esperta di un triste museo nel raccontare il suo sapere.
Ti ascolto, osservo ma io non vedo le cose che vedi tu. La sala tv mi sembra triste, le pareti piangono quadri che non possiedono, le tende monocolore, i soffitti altissimi costringono l’osservatore a pregare il cielo per una via d’uscita, gli inquilini presi in affitto dalla vita sono taciturni nei loro e nei tuoi occhi la solitudine e annega il bisogno d’amore.
Quanto ti ammiro mio guerriero coraggioso! Combatti le apparenze, dai colore dove non c’e', nascondi il dolore prestandomelo ed io inghiottisco lacrime strazianti per non riconsegnarle al tuo cuore stanco. Non temi nulla mio amato, temi solo la Morte.
Eri entusiasto di vivere anche sognando in ospedale il colore fantasma di un muro grigio e triste, ti sentivi un turista tu che non hai mai visto tanto nel mondo, quanti viaggi mancati!
Stanotte ho sognato che ti portavo via, chiamalo un sequestro! Ti ho rubato alla Signora Morte, eravamo su una piccola barca, la gente attorno ci guardava, nell’aria c’era una strana pace, forse era il paradiso! ma questa volta ti guidavo io, non dovevo fingere su colori che non vedevo, nessuno controllava i tuoi battiti ora divenuti infiniti, improvvisamente non inghiottivo più le lacrime piangevo tanto cosi mi sono svegliata per nasconderle ancora una volta a te mio amato nonno.
Piango ogni volta che voglio ricordare un giorno qualcuno piangera' anche per me e questo mi rincuora, qualcuno mi avra' amato.
In visita all’ospedale ricordo che il nonno vedeva i colori ma io non li ho mai visti forse perche' non si e' mai sentito dimenticato e solo.
Un giorno, spero lontano, vorrei vederli anche io.

(A mio nonno)

 

0
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • Claudio Amicucci il 17/11/2007 00:21
    Struggente veramente! Quanto possono essere squallidi gli ospedali! Ne ho già visitati tanti. Ogni volta il cuore mi si stringe di più... riuscirò a tenerlo ancora aperto?. Ciao Claudio
  • Antonello Gualano il 16/03/2007 12:59
    toccante e struggente. complimenti eleonora, hai dipinto con delicatezza una situazione triste. brava davvero...
  • Marco Donna il 12/03/2007 13:31
    Stile ascitto: crudo e sensibile allo stesso tempo. Mi è piaciuto molto, complimenti.
  • simona bertocchi il 08/03/2007 19:04
    sei riuscita ad emozionarmi, sei anche riuscita usare delicatezza estrema in una situazione tanto cruda. BRAVA
  • Vincenzo Brighenti il 03/11/2006 20:46
    Bellissimo questo racconto. Mi ricorda la mia esperienza in ospedale(durata 2 mesi) di 2 anni fa, quando è scomparsa mia madre.
  • Vincenzo Brighenti il 03/11/2006 20:46
    Bellissimo questo racconto. Mi ricorda la mia esperienza in ospedale(durata 2 mesi) di 2 anni fa, quando è scomparsa mia madre.
  • Vincenzo Brighenti il 03/11/2006 20:46
    Bellissimo questo racconto. Mi ricorda la mia esperienza in ospedale(durata 2 mesi) di 2 anni fa, quando è scomparsa mia madre.
  • Roberto melcore il 04/10/2006 12:39
    Ciao.. non saprei proprio cosa scrivere.. ma trovo che hai descritto molto accuratamente le sensazioni
    che si provano in un ospedale. Per evitare di dire sciocchezze.. complimenti veramente.. hai un modo di scrivere e di esprimere sensazioni che tocca il cuore. ciaociao!! Roby

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0