username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Antica-mente1

Guido era giunto all'improvviso, sorridente e Chiara, sua madre, gli era andata incontro, come faceva, del resto, con chiunque si fermasse in quella casa coperta da un boschetto di eucalipti e da un alto muro di tamerici. Chiara aveva trasformato quell casa in un albergo, con poche persone fedeli che l'aiutavano e la circondavano di affetto. Era serena, bella, unica erede di quella proprietà lasciatale dai genitori e dai nonni, vissuti in quel luogo, serenamente. Non le mancava null, forse neppure l'amore, finchè il gattino nero, che Guido stringeva teneramente tra le mani, non passò nelle sue. Uno sguardo tenero, i suoi occhi gialli, il suo miagolio indifeso ed aggressivo le fecero capire che, quelle mani grandi e tenere, le appartenevano...

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Anonimo il 26/04/2011 23:09
    Piccola introduzione, al momento conoscenza con i partecipanti nominati, gatto compreso,
  • alberto p il 07/04/2011 22:22
    bello..., ora li leggo tutti,
  • soffice neve il 05/04/2011 17:14
    grazie nicola... il racconto prosegue... spero tu abbia il tempo e la pazienza per leggerlo
  • Nicola Lo Conte il 05/04/2011 15:46
    Racconto bello e delicato...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0