username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Antica-mente4

Erano parole d'amore ma di dolore:-So che il ponte che stai costruendo è importate... so che il prossimo lo sarà , anche di più-diceva la mamma, serena, ma con voce rotta dalle lacrime, sottilmente dolorose. ogni parola affondava lentamente, come una lama sottile nel mio cuore di bambina ma, Guido, mio padre, pur amando non capiva! _La mia scelta, rispondeva, era anteriore alla tua conoscenza... la mia laurea in ingegneria mi permette di conoscere il mondo e d è un senso di grandezza, di eternità che si impossessa di me, quando al termine di un'opera la osservo e so che sarà lì per tanto tempo... gli occhi dei miei collaboratori esprimono un grazie che le voci non urlano... unendo le sponde di un fiume, sento la mia anima completarsi su quelle acque. È lo stesso senso di potenza che ho scoperto innamorandomi di te e guardando ora la nostra bimba... ma, ora qui, sono inutilmente triste. Scusami, sapevi quando ci siamo conosciuti chi ero, cosa facevo... la differenza delle nostre vite... non ho accettato che tu mi seguissi perchè non avresti capito le mie scelte... eri giovane al mio confronto, anche se ripeti che 20 anni di differenza sono nulla in confronto all'amore... abbiamo Gaia e questo deve bastarci!-Avvertivo in mamma un totale abbandono... lo stesso che sentii nel mio cuore di bimba... non pronunciai mai la parola abbandono ma, fu chiusa sempre in me e venne fuori nei miei rapporti con i compagni di scuola, con gli insegnanti e con chiunque tentasse di aprire il mio riccio che dicevano, si richiudeva quando dovevo prendere una decisione. Ed sempre, pur sapendo che c'erano più strade, sceglievo sempre per me, la più tortuosa e dolorosa!... continua

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Anonimo il 26/04/2011 23:35
    ora si fa interessante, entra nella vera storia, di una coppia che nn vive il matrimonio come tale, sempre i bambini vanno a pagare soffrendo in silenzio, cosa che cambiarà il corso della loro vita innocente, diamine devo continuare, devo sapere...
  • alberto p il 07/04/2011 22:36
    ecco che ritorna in me una vena di tristezza perche la lontananza del cuore nessun ponte può riavvicinare
  • ELISA DURANTE il 06/04/2011 08:13
    Molto bello! Sono contenta che continui!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0