accedi   |   crea nuovo account

La città del sorriso

C'era un tempo una città in cui nessuno sapeva sorridere. Tutti erano cupi e tristi, non avevano alcuna voglia di fare amicizia, vivevano ognuno per sé. La gente non sognava, non era gentile, era pessimista e lavorava, lavorava svogliatamente. Poi, la sera, stanca e avvilita andava a dormire, con la fastidiosa consapevolezza che il giorno successivo avrebbe dovuto alzarsi, ripartire per una giornata noiosa e senza sole. Infatti, anche il cielo non sorrideva mai ed era sempre grigio e scuro; le case non avevano finestre aperte ma sempre serrate.
Un bel giorno venne ad abitare in quel luogo una fanciulla: il suo nome era Letizia. Era una bella ragazza. Ma il suo aspetto era niente in confronto ad una sua particolarità. Aveva stampato sempre sul volto un sorriso radioso. Ella sorrideva sempre, sia quando era triste, delusa, stanca, sia e soprattutto quando era felice. Il suo sorriso era rivolto a tutte le persone del paese, tanto che a poco a poco anche gli abitanti che non sapevano sorridere, contagiati dalla solare fanciulla, cominciarono a schiudere le labbra accennando un sorriso e a poco a poco impararono anch'essi ad essere più sereni, a sorridere spesso e si accorsero che così le loro giornate erano più belle, più gratificanti e piene. Anche il cielo si rischiarò e raggi di sole uscirono dalle nubi, facendo sorridere il firmamento. Letizia aveva portato la gaiezza in quel posto semplicemente con la sua gioia di vivere.
Ma un brutto giorno, una maga crudele che da sempre aveva segretamente governato il paese togliendo con un maleficio la felicità ai suoi abitanti, vide che quella straniera aveva riportato la gioia e così decise di rubarle il sorriso. Una notte andò a trovare Letizia durante il suo sonno e le soffiò sul viso il suo fiato crudele, spegnendole la vitalità.
La ragazza si svegliò con uno strano peso sul cuore e con le labbra serrate. Guardandosi allo specchio vide che la luce che irradiavano i suoi occhi si era spenta; cercò di schiudere le labbra dolcemente, ma, queste restarono ferme, in un atteggiamento triste e sprezzante. Da quel momento in poi, come aveva portato la gioia alle persone, così Letizia ricacciò le stesse in una freddezza e in un'angoscia che cancellarono dalla città il sorriso come un tempo; i suoi abitanti non solo non sorridevano più, ma erano addirittura disperati.
Letizia non sapeva come fare ed allora decise di cercare lei stessa la maga che le aveva tolto la voglia di vivere. Riuscì a trovarla nel folto di un bosco dove viveva nella sua tetra casa, piena di rovi e di sterpi. Bussò alla sua porta chiedendole di farla entrare. Le chiese, quasi implorandola, di restituirle il sorriso ma la strega glielo negò, dicendo che non poteva permettere che qualcuno fosse felice, dato che lei stessa non lo era e mai lo sarebbe stata. Allora Letizia tirò fuori da una tasca un suo ritratto in cui sorrideva così dolcemente che sembrava fosse reale. Guardandolo, la maga non riuscì a fare a meno di sorridere a sua volta, tanto era contagioso e meraviglioso; le sue labbra si distesero e allora una nuova sensazione la pervase. Capì che doveva ridare il sorriso a Letizia che lo aveva donato a lei facendola sentire viva, contenta, nuova. Da quel giorno la gioia e la pace tornarono e rimasero a lungo in quel luogo.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Dora Pergolizzi il 06/04/2011 22:50
    hai ragione, molti non sanno sorridere, perchè il sorriso viene dal cuore e chi cuore non ha non riesce a donarlo, ciao e grazie del commento
  • Anonimo il 06/04/2011 19:56
    Eh sì, il sorriso è qualcosa di contagioso, ma anche qualcosa che provoca invidia per chi non è abituato a sorridere!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0