username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Antica-mente 9

... non immaginavo che Joussef Benlhad, giornalista ed inviato dal Marocco per la sfilata, cui partecipavo con i miei modelli, avrebbe tentato un approccio diverso... La pelle ambra e gli occhi scuri, più dei miei, mi fissarono con insistenza e mi rendevo conto che il suo sguardo si spingeva sempre più giù, verso la mia anima. Inutilmente tentai il solito, freddo saluto... la sua stretta di mano, sensualmente calda si unì alla sua voce:-il mio albergo, il Prassad, è vicino al suo. Questa sera l'aspetto per la cena!-Fu un invito dolce e categorico, non sai rifiutare anche se inutilmente cercai di coinvolgere gli altri... Ognuno voleva vivere una notte indiana a modo proprio... accettai! Misi forse più cura del solito nel prepararmi anche se la semplicità era sempre la qualità che mi connotava:uno dei miei abiti preferiti, i capelli legati con un lungo nastro rosso... il trucco??? non era necessario:i miei occhi lucevano come stelle, però... le mie mani avevano un leggero tremolio. Era sin da bambina un segnale di agitazione mentre il cuore batteva ad un ritmo sudamericano!!! Cercai di calmarlo, respirando lentamente e scesi nella hall del mio albergo. Chiamai telefonicamente il Prassad e chiesi di Joussef ma era già di fronte a me... posai lentamente il telefono mentre inchinandosi mi sussurrava:-Ti aspettavo-Con calma apparente ci recammo nel suo albergo mentre io sentivo il mio cuore ripetere:sicurezza. sicurezza, sicurezza... mentre la mia testa ripeteva:-abbandono, abbandono, abbandono-Il mio viso, rosso per la rabbia mi impedì di godere di quegli attimi di serenità con un uomo... Farfugliai una violenta emicrania, chiesi scusa a Joussef e rientrai precipitosamente nella mia camera d'albergo. Anche quella sera finì miseramente in solitudine!

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Anonimo il 28/04/2011 01:16
    In questa parte si evidenzia fortemente, la paura, paura di legarsi, paura di dover vivere come sua madre, paura di legami che la farebbero soffrire, Amare e trovarsi affianco il vuoto e il suo incubo, più tremedo ricordando il suo Papà... mi auguro cambi più avanti, diamine scegliere la solitudine per paura di Amare...
  • Anonimo il 17/04/2011 14:17
    che peccato, vado al 10
  • soffice neve il 15/04/2011 20:32
    grazie alberto
  • alberto p il 15/04/2011 14:44
    riprendo la lettura del tuo bel racconto, ero fermo al numero otto
  • soffice neve il 08/04/2011 20:16
    grazie elisa, rispondo:1 per me è del marocco;dal 2 al 7 concordo;dall'8 al 10 non posso che ringraziare...
  • ELISA DURANTE il 08/04/2011 20:06
    Piaciutissimo! Commenti, domande, suggerimenti (quanto rompo!):
    1° sei sicura che lui sia del Marocco e non Brasiliano?
    2° lo "sguardo si spingeva sempre più giù, verso la mia anima" è STUPENDO!
    3° il tremolio delle mani è bellissimo (mi hai fatto venire in mente "La vita è bella" di Benigni, quando a lei viene il singhiozzo!
    4° lo dicevo, io! Il ritmo del cuore sudamericano!
    5° bellissimo il contrasto "cuore-testa";
    6° il rossore e l'emicrania = retaggi ancestrali dell'educazione delle donne di qualche anno fa (tutta colpa delle mamme???);
    7° vediamo la fine al positivo: non si tratta di miseranda solitudine ma di... ritirata strategica!!!!
    8° brava!
    9° bello!
    10 e lode!!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0