PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'invito alla festa

Probabilmente è stato l'unico a volermi bene davvero, ma io non ho saputo apprezzarlo. Gli altri mi hanno sempre usata e poi gettata, come una bambola e io gliel'ho lasciato fare.
Torno con la mente ai giorni passati al mare. Sulla spiaggia c'è il rumore dei ragazzi che giocano sul bagnasciuga, il caldo lambisce la pelle rendendo l'acqua simile a un miraggio irresistibile.
Io e le mie amiche ce ne stiamo sotto l'ombrellone facendo finta di niente, ma in realtà fissiamo i ragazzi che giocano.
Maddalena lancia di tanto in tanto uno sguardo nella loro direzione, Marina protetta dagli occhiali da sole, li fissa senza essere vista, io li guardo con il mento appoggiato alle ginocchia senza farmi troppi scrupoli.
Francesco, il capo del gruppo è consapevolissimo del proprio potere seduttivo e di tanto intanto si mette di tre quarti come un attore di fronte al pubblico, sa che lo guardiamo e la cosa gli piace.
I muscoli delle sue spalle guizzano sotto la pelle a ogni movimento, nel rincorrere la palla i capelli neri ondeggiano da una parte all'altra coprendogli gli occhi, lui li sposta con l'anulare della mano.
<<Certo che è davvero un gran figo.>> Dice Madda fingendo di leggere una rivista.
<<Madonna.>> Fa eco Marina <<Ha un corpo roba.>>
Continuo a guardarlo rapita. Da quello che mi hanno detto è tanto bello quanto bastardo, secondo mia nonna è uno di quelli destinati a finire in galera nel giro di pochi anni.
<<Pare che sia uno stronzo.>> Mormoro.
<<Di quelli grossi.>> Aggiunge Marina <<Spaccia a tutto spiano.>>
La spiegazione attira la nostra attenzione, la guardiamo in attesa che continui.
<<Peggio per lui>> taglia corto Madda. <<Ho sete, andiamo a prendere qualcosa al bar.>> Dice alzandosi.
Marina fa una smorfia ma poi si alza e la segue.
I ragazzi vedono che ci siamo alzate, interrompono la partita e ci fissano, si tirano gomitate d'intesa fra dei risolini.
Comportandosi come se non ci fossero le mie amiche gli passando davanti ancheggiando. Io incollo lo sguardo a terra, sono imbarazzata ma allo stesso tempo mi piace che mi guardino.
Quando gli passiamo davanti qualcuno fischia per segnalare che gradisce ciò che vede. Alzo gli occhi, Francesco mi sta fissando.
Il suo sguardo diventa qualcosa di fisico, mi pare di sentirlo sulla pelle, ho i brividi. Alzo di nuovo gli occhi per sbirciare quello che fa, lui se ne accorge e accenna un sorriso. Sento le guance avvampare, i brividi si fanno più forti.
<<La bimba si vergogna.>> Sghignazza un ragazzo alto.
<<Piantala.>> Gli intima Francesco senza smettere di guardarmi.
Per un attimo cala il silenzio poi qualcuno chiede la palla e la partita ricomincia.
Tutti tornano a giocare, ma lui si volta ancora un paio di volte a guardarmi.

12

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Anonimo il 13/04/2011 13:00
    Aspettiamo il seguito... alla festa ci sei andata, no?... quindi è successo qualcosa. ipotizzo che lo hai freddato... vediamo se ho indovinato... ahaha... ciaociao
  • Arianna Soleri il 12/04/2011 15:43
    Ci sono andata alla fine. Questo è il proseguimento di Nuda davanti allo specchio.
  • Anonimo il 12/04/2011 14:35
    racconto carinissimo!!!
    vero e spensierato!!
    beh... spero che poi ci sia andata alla festa con francesco

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0