PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

13 dicembre

.. a volte mi sorprendo ad invidiare il gatto. per tutte quelle cose che può fare e io no. per esempio arrampicarsi sulle tende, e fare salti prodigiosi.
ma non so, se anche lui invidia me. ecco perchè gli ho dato un nome umano. Lucia. dalle mie parti è blasfemo. perchè Lucia è santa, e le bestie non possono assolutamente farsi sante.
specialmente dopo aver artigliato le tende.
il fatto è che non gliene frega niente. e gli viene perdonato. perchè è un gatto.
anche a me non me ne frega niente. ma non mi viene perdonato. perchè non sono un gatto.
ma io, so che lo sono. è solo per il fatto della forma, che non si può cambiare a piacere o all'occorrenza, secondo quello che uno è.
nessuno ci crede che la forma è un inganno. non è la pioggia che è triste. è che le idee tristi, invece di affogare, salgono a galla.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0