accedi   |   crea nuovo account

La morte rossa

Al termine della festa in machera il principe Prospero se ne andò a letto tutto soddisfatto. Si sentiva protetto e al sicuro, ben rintanato nel suo castello mentre fuori, la morte rossa non aveva pietà di nessuno. Chiuse gli occhi e si addormentò con un sorriso di beatitudine. Ma quella sensazione di assoluta tranquillità durò poco. Gli parve di sentire dei passi felpati che salivano le scale. Prospero si girò inquieto tra le lenzuola. Che fosse entrato qualcuno? Ma poi si convinse che doveva essere qualcuno della servitù. Però il rumore sicuro e regolare dei passi non cessava, al contrario, si stava facendo sempre più minaccioso e soprattutto più vicino alla porta dell camera di Prospero. Ad un certo punto, il rumore inquietante cessò, ma questo non bastò a rassicurare il principe, dal momento in cui sentì il cigolio della maniglia che si abbassava. Il principe cominciò ad avere paura sul serio. Non riusciva a muoversi. Si sentiva inchiodato nel letto, da solo, prigioniero di quegli strani rumori, incatenato alle sue stesse lenzuola. Un piccolo fascio di luce soffusa si fece largo nella grande stanza buia. Il principe sentì il cuore rimbombargli nel petto. Aveva paura di quei battiti che lo facevano quasi sobbalzare. I passi si stavano muovendo sul pavimento, facendo scricchiolare leggermente il parquet. Ormai non c'erano più dubbi; qualcuno si stava muovendo in quella stanza, sicuro e perfettamente a proprio agio circondato dal buio della notte. Ad un certo punto, una serie di lamenti soffocati, si fece strada fino alle orecchie di Prospero. Erano urla disperate, straziate di vite troppo giovani per essere spezzate dalla morte rossa. Ma come un'onda arrivarono e se ne andarono, allontanandosi piano piano. Prospero era sempre più pietrificato e impaurito. Anche se era all'interno di solide mura, aveva paura della morte rossa. I passi sul pavimento continuarono il loro percorso attorno al letto. A quel punto il principe vide, posata sul suo lussuoso comodino, una mano dalle dita lunghe e sottili, coperte di sangue. Le gocce rosse colavano, precipitando sul pavimento. Quella mano apparteneva a una figura scura, alta e misteriosa, girata di spalle. A quel punto la figura si voltò mostrando il più orribile e disgustoso degli spettacoli. Un viso lacerato dalle ferite e dal dolore. L'occhio sinistro era completamente sostituito da un buco di sangue che sgorgava, scendendo sul viso, rigandolo di macchie rosse, per poi colare a terra. La bocca era intatta solo per metà. Quando le sguardo dell'occhio destro dello sconosciuto incontrò, solo per una frazione di secondo, quello del principe, Prospero sentì come una cannonata colpirlo in pieno. La morte. Quella era la morte rossa, dalla quale nessuno, nemmeno in principe ricco con un immenso castello poteva sfuggire. Proprio in quel momento, un urlo acuto e disperato, raggiunse le camere della servitù svegliando tutti i dipendenti del principe. Una delle cuoche prese una candela e si avventurò per le scale buie guidata solo dalla luce tremolante della candela. Spalancò la porta della camera di Prospero e lo trovò seduto sul letto, con gli occhi spiritati e lo sguardo perso nel vuoto. Aveva la fronte imperlata di goccioline di sudore ed era pallido. "Che è successo?" chiese allarmata la donna correndo verso di lui "Avete fatto un incubo?"
"La morte..." balbettò il principe "ho visto la morte rossa in faccia"

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Virgi Garcia Mundòz il 25/04/2011 14:37
    Perdona l'ignoranza ma l'ho scritto una decina scarsa di anni fa e di preciso non mi ricordavo.. il compito era di immaginare un seguito al brano che ci aveva letto la prof, ovvero l'avanzare di questa maschera
  • Massimo Bianco il 24/04/2011 19:53
    Perdonate lo sfoggio di cultura ma, tanto per chiarire: il Principe Prospero era il protagonista de "La maschera della morte rossa" di Edgar Allan Poe, un grande classico della letteratura, tratto da "Racconti del terrore" e questo è un racconto mitico, indimenticabile la scena della Morte rossa che avanza di sala in sala tra la gente che danza. Saluti.
  • Anonimo il 23/04/2011 13:07
    Con la spegazione il racconto diventa ancor più bello... hai fatto bene a spiegare... ciaociao, a rileggerci.
  • Virgi Garcia Mundòz il 23/04/2011 10:16
    Questo racconto l'ho scritto parecchi anni fa non di mia iniziativa, (infatti l'horror in generale non è che mi piaccia molto...) ma per scuola. La prof ci aveva letto la storia di questo principe che, per sfuggire alla morte rossa (ovvero un'epidemia che stava decimando la sua popolazione), aveva invitato tutti i suoi amici a stare in un castello, nel quale c'era ogni genere di diverimento, per non essere contaminati. Tutto questo, mentre fuori la gente moriva. Spero di essere stata esauriente. A presto
  • Anonimo il 23/04/2011 07:25
    Bello, avvincente, ben scritto... ma perché la morte rossa?... il colore voglio dire... ciaociao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0