username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Diesis

Questa è la storia di una nota musicale, un Fa naturale.
Era paffuta, con l' astina lunga, una semiminima per niente brutta.
Se ne stava comodamente disegnata nel suo spazio tra il Mi e il Sol che invece, attaccate alle linee del pentagramma, sembravano soffrire di un certo mal di testa.
Ogni mattina, le sette note della scala, si mettevano in posizione, pronte per vibrare. In effetti, ogni tanto, qualcuna faceva confusione sbagliando postazione. Ma ecco che la " chiave ", attenta ad ogni svista, cominciava ad urlare:- Non mi hai vista? Sono la chiave di violino, torna la nota di prima! - Il nostro Fa aveva un suono limpido, ve lo posso assicurare, era proprio perfetto da ascoltare.
Ma era solo un Fa naturale e al quarto posto nella scala di Do maggiore!
Aveva un carattere particolare, avrebbe voluto essere qualcosa di più, giusto per farsi notare.
La sua voglia di stupire, la convinse che era ora di cambiare : corse al negozio musicale e comprò un bel fregio da tenere, al suo fianco sulla scala.
Con un " diesis "a tracolla, trovò spazio a malapena ; le notine esterrefatte dello strano nuovo acquisto, fatto solo per il gusto di sentirsi un po' più' alta, protestarono più volte con il loro "caposcala". -Maggiore Do - disse il Sol - Scusi se le parlo con un tono sostenuto, ma il Fa diesis è un intruso.-
- Non si può negare, la farò cacciare- sentenziò il Do.
Anche il "Re", interpellato, disse seccato : -Nella mia scala non c'è posto, il terzo grado è già occupato. -
Così la nota rifiutata si ritrovò sola e abbandonata; pianse e urlò fa diesis di disperazione per giorni interi. Forse aveva esagerato. Con la sua smania di protagonismo, aveva finito per darsi un tono sbagliato.
Ad un tratto però , ebbe un' illuminazione : - Sarò la "caposcala"- pensò e costruì' una progressione dove tutte le note erano diesis, tranne il "Si" , che tanto dice sempre di sì .
"Maggiore Fa diesis" veniva chiamata adesso dalle altre note ; e tutte suonavano senza esitazione.
Ad un tratto intervenne "l' ultima nota" : -Se nella vita si vuole migliorare, prima o poi qualcosa si deve inventare! -

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Anonimo il 11/07/2011 21:45
    Sicuramente un maggiore sarà sempre alienato... non offre possibilità come un minore... se questo era il senso ti quoto.
  • carmen avellone il 23/05/2011 20:13
    Originale e divertente.. very nice indeed!
  • Gas Disaster il 25/04/2011 17:11
    I like it! Una continua metafora.
  • Marcello Insinna il 23/04/2011 15:58
    Mi sono proprio divertito a scriverlo. In più è dedicato alla mia nipotina Alessandra. Grazie
  • Anonimo il 23/04/2011 13:36
    Molto carino... originalissimo... immagino che per chi capisce la musica questa fiaba sia una vera chicca. È piaciuto a me che sono un trombone stonato!!! ciaociao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0