accedi   |   crea nuovo account

LA DIFFERENZA TRA MASCHI E FEMMINE

"Che te ne fai di una donna che è sempre presente, lì sempre a cercarti? Che pende dalle tue labbra e che, anche quando spari un sacco di cavolate, ti guarda amaliata come se le avessi detto chissà cosa! Di una sempre pronta a prendersi cura di te, quando sembra che stai male, o triste, e invece sei solo stanco e hai voglia di stare in pace, come si fa a stare accanto a una donna che ti dice, ogni due secondi, c'è-qualcosa-che-non-va? La monotonia uccide la coppia..." Tutto d'un fiato. Hai sparato le parole a raffica, peggio di una mitragliatrice. L'orecchio è ancora incollato alla cornetta del telefono e il tuo silenzio è diventato un ronzio che fa male. Che te ne fai di una donna che ti vuole veramente e che per te darebbe la vita? Niente, è quello che hai appena detto tu. Fortuna che non ho avuto il coraggio di dichiararmi...
Solo pochi minuti prima di chiamarti, ho pensato : o adesso o mai più.
L'amicizia dura ormai da 3 anni : la nostra confidenza è tale che ognuno sa tutto dell'altro, o quasi. C'è feeling. C'è passione, idee in comune. Mancava solo l'amore... che non è tardato a venire, almeno da parte mia, quasi da subito. Ma 3 anni non sono bastati per aprirti il mio cuore, 3 anni - a volte - sono troppo pochi per sapere come e quando e a chi dire < ti amo >.
"Oh! Ci sei?" Mi riprende la tua voce.
"Sì-sì", catatonica, forse troppo. E di nuovo silenzio.
E allora tu fai : "A che cosa pensi?"
E, ti giuro, non so che dire : le idee si sono mischiate una sopra l'altra, la confusione che ho in testa non mi permette di accedere a nessuno dei miei pensieri. E allora tento : " Lo sai che cosa risponderebbe un maschio a questo tipo di domanda?"
"A niente", dici tu, prima di scoppiare a ridere. Rido con te, ma a fatica.
"Già. È proprio così anche per me, in questo momento." E poi non fiato più. Non un respiro. Sento persino la mia assenza, la voglia di non esserci, non lì, non al telefono con te, non a sentirti dire quelle cose, non con te che mi parli di un'altra...
"Oh!"
"Hum?"
"Perchè stai in silenzio?"
"Così. Perchè mi va."
"Dai, a che cosa pensavi prima?"
"Te l'ho detto : a niente."
"Lo sai qual'è la differenza tra maschi e femmine? Che i maschi, quando dicono niente, non pensano a niente sul serio, mentre le donne, quando stanno zitte, stanno pensando a qualcosa..."
"E chi lo dice?"
"Beh, queste cose si sanno..." Il solito per-sentito-dire, immagino. Allora lo vedi che 3 anni non bastano a conoscere veramente una persona?
"Davis?"
"Che c'è?"
E allora mi butto : "Io ti amo." Lo dico talmente seria da risultare persino ridicola.
Tu stai un attimo in silenzio, poi scoppi in una fragorosa risata, di quelle a crepapelle che per lo sforzo ti devi accasciare a terra e tenerti fermo la pancia con le braccia.
"Questa è bella! Giuro, mi fai morire!" E via a ridere.
Non te lo dico. So di non essere creduta, ma non te lo dico. Sei tu, giuro, sei tu che mi fai morire.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

15 commenti:

  • zoe marcelli il 01/07/2008 18:31
    "Chissà perchè si fanno tante domande… Io credo che non bisogna conoscersi per volersi bene… e poi forse non bisogna volersi bene" ... troppo banale, perdonami. La vita lo è già a sufficienza per portare la banalità anche sulla carta
  • Christian Allasia il 01/07/2008 15:33
    Ottima descrizione dei pensieri e struggente finale!
    A volte si scrivono opere d'arte quando si soffre x amore...
  • Umberto Briacco il 23/01/2008 13:46
    Interessante come hai gestito il dialogo tr pensieri e parole.
    Finale doloroso ma in un certo senso simpatico.
    Saluti
  • tania tania il 20/01/2008 00:17
    mi è piaciuto Argeta... sarà capitato a molti! 3 anni non bastano a conoscere veramente una persona?? Non so.. credo che a volte... basti un minuto... a rileggerti presto!
  • Luigi Lucantoni il 18/05/2007 22:55
    Mi piace lo struggimento che devi aver provato x forza... essendo un gufo però non posso aggiungere altro
  • alberto accorsi il 10/12/2006 18:28
    Scritto bene. Problemi d'altri tempi, per me.
  • simona bertocchi il 26/10/2006 12:57
    L'eccesso di complicità e confidenze, svelare tutto di se, mettersi sempre a nudo non sempre giova. L'amore deve essere un tango, ti dai e ti svuoti. Però è anche vero che non c'è una regola ai sentimenti. Nelle mille e una notte è scritto che Dio e l'amore sono le due uniche cose che non si possono spiegare.
    Lo stile è bello, scivola bene, è ben descritto.