accedi   |   crea nuovo account

Parallelismo

AUTOCOMMISERAZIONE.

Faccio schifo, faccio cagare, sono la larva di un embrione di un prototipo di un paradosso di uomo.
A 6 anni Mozart componeva sinfonie, io a 36 anni uso Microsoft Word. E dire che Mozart aveva molte meno possibilità di Me oggi. Io uso internet, ho il cellulare, la macchina, la moto, la bicicletta, uso i pattini e vado discretamente a valle con gli sci, so azionare un frullatore e un forno a microonde. Posso verificare l'esistenza di tutte le posizioni del Kamasutra in una manciata di minuti. E non uso la fantasia né una vicina di casa ninfomane. Informazioni, spettacolo, arte, notizie, sport. Ho tutto a portata di mano. E allora perché mi sento una merda??
Sogno di morire improvvisamente e in modo clamoroso: uno stadio di un missile impazzito che cadendo dalla ionosfera centra la mia auto lanciata in autostrada, una voragine profondissima ma di soli due metri di diametro che si apre improvvisamente sotto di me e mi inghiotte, muto, faccio appena in tempo a fare ciao ciao con la manina e.. pluf, non ci sono più. Meglio se a un matrimonio o a una comunione. E giù tutti a arrovellarsi e a dire che poveraccio non se lo meritava proprio, un caso su 10 milioni, anzi un caso irripetibile. La sfiga. Sempre ai migliori, ai più meritevoli.
Già perché la gente poi è così: se muori improvvisamente sei sempre un genio e un santo nel tuo genere. Anche Totò Riina sarebbe un bravo ragazzo strappato all'affetto dei suoi cari. Invece se ti spegni di un banale cancro o peggio di un insulso incidente non sei nessuno. Al massimo un po' di pietà.. come per le bestie al canile.
E invece no. Io li fregherei tutti: merda si, insignificante, pigro, falso e lussurioso.. ma con una morte come dico io resterei negli annali della storia. Imperituro. Sfolgorante. Fra 40 anni i miei amici sarebbero ancora lì... vi ricordate il povero Andrea?? Quante cose avrebbe potuto fare, brillante, intelligente, simpatico, estroverso, eclettico.. E giù a brindare alla memoria (se ancora lo stomaco gli regge perché da vecchi si sa bisogna stare controllati). Insomma io uomo-merda li fregherei tutti... Peccato che sono ancora qua, Sto invocando tutti:da Budda a Maometto a Gesù Cristo al sacro Krakatoa degli Hawaiani, niente. Niente missile, né voragine, né fulmine, né alieni-raptor. Solo Microsoft Word. E un mucchio di panni da stirare che aspettano di là...
Vita di Merda!


MEGALOMANIA

Sono un Genio! Sono un uomo con due palle grosse come due montagne. Ci sto seduto sopra e rido. AH AH AH AH. Guardo giù e vedo tutti, indistintamente, tutti sotto di me. Formichine insulse e operose. Pallidi tentativi di esseri semi-umani rantolanti, bavosi. Si affannano con le loro misere occupazioni.. TUTTI QUANTI. Dal primo all'ultimo, no dico ma vi rendete conto??? Come??... Mozart a 6 anni scriveva sinfonie?? Ecco. Un altro caso di infanzia rubata. Di abuso minorile. Un mondo popolato da stronzi che fabbrica stronzi, e bambini geniali e autistici nello stesso tempo. Asociali, asfittici, puttanieri sifilitici, ma SAI CHE CAZZO ME NE FREGA delle sinfonie?? O dei preludi, dei minuetti, degli adagio, i rococò, i tratratrà e pereperepè... MERDA. Tutta Merda.

12

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0