PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Lettera ad uno sconosciuta (non è un errore di scrittura)

Mia dolce... , mi accingo a scriverti per renderti partecipe della mia umile ed egocentrica tragedia, perché tu sei il principio e la miccia in molti modi di essa. Non voglio colpevolizzarti ne farmi compiangere, ma questo è il mio libro e sono libero di scriverci quello che mi pare. Ironicamente è cominciato tutto molto dopo la tua assenza, come se il caso avesse giocato in modo particolare con la mia esistenza, perché sa quanto mi piace soffrire di vittimismo e capisce quanto sia stato felice nell'averti conosciuto, triste nell'averti perso e ingrato nell'averti avuto. Ricordo tutto le date e tutti i luoghi, così come ricordo ogni tipo di emozione. Niente esce dalla mia mente, o almeno niente di importante. Mentre scrivo sento il suono triste e blues di un'armonica stile carcere, come se in qualche modo fossi imprigionato da queste parole. Mi sto facendo un interrogatorio e sono sia lo sbirro cattivo che quello buono, sono un bambino che marina la scuola per andare al museo, sono un ignoto paradosso. Devi quindi darmi il modo di criticarti nel modo più spietato ed educato possibile. Che cosa mi diresti se cominciassi ad elencare ogni volta in cui sei stata immorale con me? potresti averla vinta anche questa volta come le altre mille, perché la moralità e soggettiva, ma quando chi subisce le colpe ne accusa la mancanza vorrebbe almeno delle scuse, e io potrei accontentarmi delle tue scuse.
Ma alla fine anche le scuse non sono altro che parole e le parole non mi risolleverebbero, neanche i gesti e ormai nemmeno riaverti mi ridarebbero le mie mancanze senza le quali non riuscirei a vivere. Io devo continuare ad essere sincero prima di cominciare a mentire spudoratamente per annullare il biasimo di chi pensa di conoscermi, senza tutto questo ora non sarei io, sarei un altro io, e non ha importanza se quell'altro io sia giusto o sbagliato, migliore o peggiore del mio attuale, sarebbe diverso e io mi amo ora in questo modo. Se fossi un altro io potrei amarmi lo stesso? ovviamente si, ma sono troppo pigro per pensarci, anche se tutto avverrebbe senza il minimo sforzo. Allora ti ringrazio per avermi insegnato quello che i libri non possono fare, per aver dimostrato che nonostante tutti i presupposti mondiali, gli esseri umani sono cattivi ed egoisti. Sono ormai sei mesi che soffro, e anche se non è unicamente colpa tua devo dirti ancora molto. Ho cominciato a stare male quando ho smesso di soffrire per te, quando ho deciso di continuare ad essere il vecchio e "felice" narcisista di una volta. Ho cominciato a soffrire quando mi sono reso conto della tua reale mancanza, dell'inesistenza e della perseveranza della memoria che mi ottenebrava ogni frammento di futuro; è non c'è cosa peggiore che non vedere il futuro. Come Celimene hai rifiutato la nostra fuga e hai nascosto ogni tuo intento dietro un'infinità di maschere, e io le conosco tutte. Sei stata dolce, comprensiva, atroce, diffidente, immatura, consapevole, inesistente e strafottente, quella che odiavo di più. Posso vivere con l'odio di tutti, e sono pronto a scambiare ogni mio amore per essere odiato dal mondo intero, non per essere invidiato e nemmeno per accostarmi allo spettro di emozioni positive umane, ma solo per evitare l'indifferenza; il mio animo egocentrico muore nell'indifferenza, annega e piange nell'indifferenza, specialmente nella tua.
Ho chiesto scusa un milione di volte e non sono pronto a smettere, eppure darei tutto per sentirlo uscire dalle tue dolci labbra una sola volta.

12

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • bruna lanza il 06/06/2012 19:54
    Si, anch'io dovrei scrivere una lettera così, non lo farò perchè tu hai reso come nessuno poteva il dolore che si sente quando si ama senza essere vissuti dal partener, spero che il mio lui ti legga e che poi legga anche il mio commento... così capirà... grazie
  • mario mautone il 03/05/2011 00:27
    Grazie mille, mi ha lasciato dopo un anno e mezzo ma è successo più di un anno fa... questa lettera l'ho scritta in un capitolo di un libro che sto scrivendo...
  • vasily biserov il 01/05/2011 11:40
    Bellissima questa tua lettera! Anche io in questo momento ne dovrei scrivere una simile ma non ne sono capace, non riuscirei a tirare fuori tutto questo...
    a te dopo quanto ti ha lasciato??

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0