accedi   |   crea nuovo account

INNOCENZA: Diciotto anni, vestitino leggero

Diciotto anni, vestitino leggero.
Pochi soldi in tasca, tanti sogni.
Seduta compita su poltroncine maleodoranti di un treno, pregusto la serata piacevole che passerò con il mio ragazzo.
La musica si diffonde in me a tutto volume, io la seguo, viaggio, volo.
Davanti a me è seduto solo il controllore; il vagone è vuoto, non è orario di punta, pare.
Lui mi fissa, non guarda più fuori dalla finestra, io sorrido, come sempre.
Le note mi trasportano e io serafica mi lascio vincere, chiudo gli occhi.
Li riapro solo quando sento delle unghie conficcate nel braccio, stretto in una morsa ferrea.
Mi tolgo le cuffiette, non capisco.
"che bel bocconcino, sei tutta da mangiare".
Ora, capisco.
Controllore, un quarantenne dai capelli biondi e lunghi e ricci, occhi azzurri rassicuranti.
Ma lo sguardo li tradisce, vedo desiderio, ardore, voglia di me, carne tenera, carne pura.
Nel silenzio non parlo, non mi muovo.
Non lo faccio, non ci riesco, mi sento legata, catene pesanti mi bloccano lì, inerme.
Sento, ANCORA, un'altra volta, sette anni dopo la prima volta, le stesse sensazioni.
È tutto gelato, è tutto immobile, ma sento in me qualcosa stridere.
Hai mai provato il vuoto dentro?
Sei mai riuscito a sentire solo i tuoi battiti, il tuo respiro appena percettibile?
La sua mano libera scorre sulle mie spalle, sul collo, tra le clavicole, sui seni, sul ventre teso.
La sua mano ha perso delicatezza, ora è vorace, è affamata delle mie carni. Il suo desiderio entra dentro me, mi dilania, mi squarcia come fosse una lama. Mi sento urlare dentro, chiusa in un silenzio assoluto.
Il suo respiro affannoso sul mio viso.
Flebilmente, chiedo di andare.
Mi bacia il collo, le spalle, mi dice di stare zitta, mi sorride.
"POSSO ANDARE IN BAGNO?!"
Mi alza tirandomi per un braccio, camminiamo lentamente verso la toilette.
Mi fa entrare, vuole entrare.
Mi bacia l'angolo della bocca, non sento più nulla, nemmeno il mio corpo ferito.
C'è solo odio.
Amore mio, scusami.
Amore mio, salvami.
Tiro via il braccio, non ci riesco, vuole entrare.

12

0
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Raffaele Arena il 28/12/2011 00:43
    Terribile esperienza che hai fatto bene ad esprimere. Non ci sono parole per atti di questo tipo. Colui che tenta o violenta è solo un animale, anzi peggio.

3 commenti:

  • Roberto Tommasi il 17/06/2011 16:59
    Per poche che sono riuscite a scamparla in troppe non ce l'hanno fatta...
  • Anonimo il 07/05/2011 10:45
    Sogna Gaia. (Dagli incubi nasce pure qualcosa)
  • Dora Forino il 06/05/2011 16:58
    Una pagina che racconta una tentata violenza, scritta con rabbia e voglia di dimenticare... Un racconto scritto con grande intensità poetica.
    Dora

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0