PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

LE ZEPPE CAVITÁ/2

Ho scalato da solo una montagna. La neve di aprile sembra più fitta e penetrante. Gli scarponi, il berretto di lana, le piccozze, i bastoni. Il sibilo del vento. Tutto regolare, classico.
Io, ero un uomo meridionale: il sole, l’aria profumata, la mitezza del tempo. Poi mi ero trovato alle impossibili altitudini, e lì non c’era vita, soltanto una coltre bianca avvolgeva il paesaggio. Nei pochi momenti di lucidità, comunque avvertivo la dolcezza che una nevicata portava in casa nel periodo natalizio. Ma in definitiva ero solo; non avvertivo inquietudine: una sensazione di vuoto si. A quante migliaia di metri mi trovavo? Non sarebbe stato confortante saperlo, ormai c’ero ed era presto la mattina. Rallentai, mi fermai. Che senso aveva andare più su? Raggiungere una vetta a tutti i costi… senza emozioni.
Penso che il punto fondamentale sia sempre arrivare da qualche parte, dire: ce l’ho fatta!
E io no. A un certo punto ho voluto fermarmi: la perfezione non mi appartiene. E non me ne frega niente.
Tra l’altro non ero lì per battere un qualsiasi primato, per vincere una sfida, per innalzare la mia bandiera. Ero stato spinto a fare la scalata proprio per trovare il senso del limite. La domanda era: dove può arrivare l’uomo? Poi divenne: dove può fermarsi? E mentre salivo mi chiedevo: ho la volontà di fermarmi?
Pensavo di poter arrivare in cima facilmente e avevo anche avvertito le autorità di quel luogo, affinché nei momenti di difficoltà fossero stati pronti a ricevere l’allarme.
E invece dissi basta. Stop. Se l’uomo non vuole fermarsi, io posso. Perché l’uomo non è l’Uomo, ma è un uomo a sé: distintamente. Avevo visto sotto i miei piedi, verso destra, una specie di fosso. Lasciai docilmente la presa dello spuntone di roccia. Mi voltai verso la meraviglia del panorama. Mi calai, interamente. E nevicava. Dentro non era molto buio: sembrava che alla fine del tunnel ci fosse una lieve fonte luminosa. Un po’ di quella luce rischiarava le pareti. Gli occhi mi si chiusero, senza forza. Fuori nevicava. Se non vedevo, sentivo il fruscio bianco che copriva ogni cosa. Nel sonno, parole mi sommersero i sensi.

- Rimarremo bloccati, la neve è troppa.
- Sono anni che siamo intrappolati qui.
- Lo spirito della terra. Il Risucchio eterno.
- Ci avevano promesso i soccorsi.
- La promessa a volte è una scommessa!
- Non è proprio il momento che tu faccia il filosofo.

Ecco il risveglio, lo spavento: chi c’è? Chi parla?
Erano due voci, a volte anche sovrapposte. Ma chi vuoi che ci sia! Era la mia paura di rimanere isolato, laggiù. D’altronde la neve stava ormai ostruendo il piccolo ingresso. Non mi sentivo in difficoltà. Mangiai scatolette: tonno, carne. Poca fame, un po’ di sete: acqua allora. Con me avevo un piccolo lettore mp3: che gran compagna la musica! Non ti tradisce mai: è tua per sempre.

123

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Anonimo il 06/02/2009 13:13
    HO deciso di smettere di avere paura delle paure.
    Me lo ripeto da tempo.
    Se ci si riesce, si aprono orizzonti inaspettati.
    Mi e' piaciuto...
  • Chiara S. il 04/01/2008 16:30
    stupendo!! piaciuto lo stile, piaciuta la storia... specialmente le riflessioni sull'uomo e le voci che mi ricordano tanto Gollum ^^'
  • Chiara S. il 04/01/2008 16:29
    stupendo!! piaciuto lo stile, piaciuta la storia... specialmente le riflessioni sull'uomo e le voci che mi ricordano tanto Gollum ^^'
  • Cristina Frizzoni il 26/09/2007 10:05
    Mi rincresce ma il tuo racconto non mi da grandi emozioni. Non so, non mi coinvolge come dovrebbe. Tu, comunque, continua a scrivere, non potrai che migliorare. Ciao Cristina

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0