accedi   |   crea nuovo account

Marianna de Leyva

Desiderato amore mio,
ho ancora il cuore in tumulto. Lo sento battere all'impazzata, così veloce da togliermi il fiato, così forte da rimbombarmi nelle orecchie. Le mani tremano e faccio fatica anche a scrivere, ma devo fissare sulla carta ciò che provo prima che possa dimenticare anche solo una briciola di questa smania.
Di fronte agli occhi ho quel muro che tante volte ho maledetto ed odiato perché mi separava dal mondo, e che ora benedico perché il mio mondo è tutto qui dentro, tra lo stormire degli alberi, l'odore degli agrumi ed il cinguettio degli uccelli. Oggi piove, ma mi è bastato intravedere il tuo viso oltre quel muro per sentire la vampata del sole di agosto.
Come devo sembrarti puerile, quanto infantili ti parranno le mie parole, ma io non so parlare di quell'amore che mi hanno insegnato a temere, e che invece è la più dolce delle torture.
Credevano che rinchiudendomi qua dentro io avrei dimenticato di esistere, ed è invece proprio in questo luogo che, grazie a te, ho iniziato a vivere. E tutta questa vita mi ubriaca, mi stordisce, mi dà la certezza di essere un gradino più in alto della meschinità di coloro che volevano dimenticassi persino il mio nome.
Ma io esisto, vivo, amo.
Da quando il tuo sguardo si è posato su di me sento la vita scorrere impetuosa sotto questo abito creato per mortificare, sotto questo saio che per troppo tempo ho vissuto come una prigione, come l'emblema del mio non esistere. Ed ora non la smetto di accarezzare la stoffa ruvida, il copricapo ed il soggolo soffocante, perché sono loro a preservare il mio corpo per te solo, ad impedire che le mie azioni quotidiane possano sporcare la mia pelle che da te solo vuole e deve essere sfiorata.
Se solo sapessero che mai come ora amo quel Dio che mi hanno imposto! Se solo immaginassero quanta gioia metto nel cantare la Sua gloria, proprio ora che ai loro occhi mi sono macchiata del più impudico dei peccati!
Quella fede che non ho mai avuto, quel Dio che altri non è stato che il mio carceriere, ora mi risuona dentro come una splendida melodia, perché chi, se non Lui, può aver trasformato il mio deserto interiore in amore sconfinato. Amore per te, che sei il mio angelo ed il mio demonio, il mio tormento e la mia estasi, il mio peccato e la mia assoluzione.
Qui dentro non vi sono specchi, la vanità viene costantemente umiliata, ed io cerco la mia immagine nell'acqua del pozzo, nell'opaco riflesso di un mestolo o di un secchio, e vedo un volto pallido e due occhi di brace. Non sono bella amore mio, un tempo lo ero, ma tra queste mura anche la bellezza è un peccato e non un dono di Dio, ed hanno tentato di rubarmela.
Ho paura. Paura che il tuo sia solo un gioco, che le tue promesse siano solo uno stratagemma per violare quello che non dovrebbe essere violato, che io per te sia solo un trofeo da inchiodare sul muro della tua camera da letto.
Non lo potrei sopportare, bada che ti ucciderei!!! Non mi importa nulla del voto infranto e della menzogna nella quale vivo. Non temo il giudizio degli uomini, e quello di Dio mi è indifferente. Temo solo di non poterti più rivedere, di non sentire più la mia pelle bruciare sotto le tue carezze, di non assaporare più la violenza dei tuoi baci.

12

1
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Simona Durante il 13/05/2011 10:22
    grazie Elisa! Noi... un cognome... una garanzia!
  • ELISA DURANTE il 13/05/2011 10:02
    I sentimenti, i desideri, i timori della tua Marianna sono esplicitati come noi avremmo voluto che fossero quelli della Virginia manzoniana. Piaciuto!
    P. S.
    Tra il PRIMA e il POI ci siamo noi... Ciao omonima!!!
  • Simona Durante il 11/05/2011 10:16
    Grazie Giacomo. Davvero.
  • Anonimo il 10/05/2011 18:36
    Un ottimo esordio... un brano scritto bene perchè rispetta il sentire del suo tempo... a cavallo tra il cinque e il seicento... ho sempre avuto un gran rispetto per questa donna che ha dovuto subire le ingiustizie e i preconcetti del suo tempo... manzoni pare che fosse molto attratto da questa figura di donna e che originariamente avesse scritto molto più di quanto poi appare nei Promessi Sposi... brava, davvero.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0