PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Antica-mente 25

Gaia parlò loro dei suoi sogni inespressi che ora aveva chiari in sè e per cui si sarebbe impegnata... sapeva che la maternità fisica le era preclusa ma credeva di avere le possibilità e la forza, oltre che l'amore, da profondere a bimbi soli o momentaneamente abbandonati dalle famiglie. Nel contempo studiava per diventare "pastore di anime". Quale non fu la meraviglia di Quinto e Giulia nel sentire le sue idee e come si preparava a svilupparle e concretizzarle. Secondo la fede professata dalla sua mamma non avrebbe potuto mai essere un pastore di anime ma lei non era stata battezzata e non aveva mai aderito ad alcuna chiesa. Seguì il pensiero religioso del suo papà cristiano ma non cattolico, studiò e si preparò con fede. Tutto cresceva in lei e si trasformava. Una luce nuova brillava nei suoi occhi ma era il cuore che parlava attraverso le sue labbra. Quinto e Giulia sempre più meravigliati ascoltavano le sue conferenze e la seguivano con la loro mente oltre che con il cuore, nei viaggi in cui studiava e approfondiva il rapporto con gli altri. Nei seminari di studio e di avvicinamento a questa fede Gaia mostrava tutta la sua forza spirituale e la sua capacità di ascolto e di amore. Spesso il suo sguardo si posava sui bambini e gli occhi luccicanti indicavano un immenso dolore. Quinto e Giulia l'amavano ma si accorsero che Gaia era capace di un amore più grande e vollero aiutarla con le loro piccole forze nella realizzazione dei suoi progetti. Le chiesero le chiavi della sua vecchia casa e armati di tanta volontà iniziarono a strappare ortiche, rami secchi, e a riportare alla luce quello splendore antico che non aveva perso nel tempo la sua forza. La vecchia villa era lì, in attesa del ritorno, in attesa della vita, in attesa di Gaia. Un pensiero spesso correva nei discorsi di Quinto e Giulia:avrebbe mai Gaia dimenticato Joussef? L'inverno trascorse con le sue meravigliose trasformazioni e la primavera rendeva più luminose le mura della casa antica. Il calore del sole riscaldava la terra ed il calore saliva profumando l'aria mentre gli eucalipti respiravano liberi in attesa della loro amica.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • soffice neve il 15/05/2011 16:38
    sicuramente elisa... ma chi di noi ha un cammino lieve???
  • ELISA DURANTE il 14/05/2011 07:36
    Rinascita generale... L'antica casa, la natura, Gaia... Ma per lei il cammino sarà più lungo...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0