PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La luce per la salvezza

La paura di essere meno degli altri è qualcosa che ognuno di noi possiede. Non credere nelle proprie capacità, non amare quello che siamo, non vedere la realtà ma immaginarla per la paura che abbiamo dentro, per il dolore... della sconfitta. La paura di essere sconfitti, di non essere i numeri uno, di essere piccoli, di essere niente. È questo che ci frega. La gelosia buona, che ci porta a non essere noi stessi, una maschera di ferro che sembra legata alla faccia dalla vita e non si può strappare. L'imitazione del sé.. che in realtà non è ...
La fregatura di non essere sempre se stessi è paura. Paura pura di sbagliare e di non essere accettato per quello che si è. Il dolore e la paura repressi, chiusi in gabbia, in sacchi. A sacchi sotterriamo tutto, nessuno mai dovrà scoprire cosa ci scorre dentro, quali sono le ragioni delle nostre Vere azioni, nessuno mai potrà capirci completamente.
Questo perchè da un giorno all'altro gli occhi delle persone cambiano, non sono più gli stessi...
Non riusciamo più a vederli così puri e casti come credevamo fossero, ed è la rovina. Ed è la rovina la riscoperta dell'impurità, malsana e corrotta da tutti, dalla maschera del mondo. L'anima pura lentamente viene grattata via. Così fanno tutti. I bisogni di momenti così chiari che mai saranno, che mai esisteranno. Il bisogno della luce, quella divina, di cui si è sempre in ricerca ma di cui mai si trova la strada, perchè mai si è presi del tutto dalla ricerca. Fa paura. Le lacrime versate per il dolore non sempre sono ripagate dalla luce che uno ha dentro. La luce. La mia luce. La nostra luce. Voglio averla qui.. ed una volta avuta qui non la farò più andare via. La luce. La luce per la salvezza.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Federica. il 11/06/2011 13:57
    ... ti ringrazio...
  • Anonimo il 01/06/2011 09:28
    L'anima pura lentamente viene grattata via. Così fanno tutti. I bisogni di momenti così chiari che mai saranno, che mai esisteranno. Il bisogno della luce, quella divina, di cui si è sempre in ricerca ma di cui mai si trova la strada, perché mai si è presi del tutto dalla ricerca. Bravissima!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0