username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Il davanzale di un borgo è un posto quieto

Cammino fino a stancarmi, è quasi l'una ed il cane mi mostra la sua fame masticando brevemente a vuoto.
Davanti ad una casa dai colori sbiaditi, poco distante dal paese, ci fermiamo un poco a riposare.
È una casa così facile da pitturare ma così bella con quelle chiazze di colore che scendono giù dal tetto: colori che assomigliano al grano maturo, colori usciti spalmati come il loro essere, ora fermi.
Di fronte nell'aria annebbiata di calore estivo stanno cavalli immobili a parlar di niente.
E così mi ritrovo a guardare la vita del bruco sulla foglia, con il cuore che batte piano, che bello non sentirlo neppure.
È uno di quei momenti in cui stringo la mano alla vita e mi stringe anch'essa senza nulla dire: perché la parole rovinano il silenzio rovinano tutto, fanno rumore, e quasi ti viene di parlare con la bianca statuina di una Madonna murata sul cancello - Madre, per te, la preghiera più bella corre nel vento e porta Amore.
La piccola chiesa profuma di cera, d'incenso e di pace, è lieto e non disturba il suono delle sue campane: Benedizione di un amore o di una vita che viene o che va.
Il davanzale di un borgo è un posto quieto!
È bello osservare giù nella via l'incontro della gente.
Mi piace immaginare si dicano cose semplici, schiette, mi piace immaginare la felicità di ritrovarsi.
La parola borgo è un sorriso che sa di antico, di porte socchiuse di terrazze di neve fresca e di cieli stellati.

 

6
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • olga il 04/06/2014 13:03
    Anch'io adoro i vecchi borghi.
    Pubblicata nel mio blog, spero non ti dispiaccia, se non sei d'accordo comunica, Olga.
  • Aurora rossi il 20/06/2011 16:31
    Giorgio, siamo in sintonia, adoro i vecchi borghi e tutta la vita che vi si respira... le vecchie chiese... Bella lettura, grazie per questo regalo
    un sorriso
  • Roberta Criscio il 01/06/2011 12:23
    Chi di noi non si è mai soffermato a fissare la vita che scorre attraverso i vetri di una finestra? Immaginare le storie della gente che passa, osservare quanto i loro volti hanno da raccontare! Tu hai saputo delineare con maestria un piccolo scorcio di vita quotidiana in un borgo qualsiasi, nel paese di ciascuno di noi. Bravo!
  • Fernando Piazza il 01/06/2011 11:07
    Che bello il racconto di questo scorcio di vita. Breve ma intenso, fa pensare a tempi e luoghi di antica memoria e invece... Ti pare di vivere in quel borgo, di sapore bucolico semplice. Descrizioni rese con pennellate di pura poesia. Mi hai incuriosito: credo proprio che leggerò altri tuoi scritti. Bravo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0