PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La più piccola

Dovete sapere che esiste una donna con una capacità più unica che rara, il suo nome è Vanessa, a chi non è mai capitato di dire: "Vorrei tanto essere una mosca per vedere cosa sta succedendo la", ebbene lei, quando viene notte e solo in questo determinato periodo della giornata, riesce ad entrare in un minuscolo chicco di vetro ed a vagare per la città. Probabilmente a molti questa capacità non interessa, ma questa donna quando vaga per la città di notte nel tepore e nella pace del suo chicco è veramente felice.
Esce dalla toppa delle chiavi del suo portone ed inizia il suo giro, vola sopra i tetti delle case, a volte entra in alcune abitazioni per vedere che succede all'interno, vola sù per le montagne, che di notte danno un grande senso di inquietudine e di tranquillità. Certe volte tenta di avvicinarsi il più possibile al cielo, una volta addirittura è riuscita ed entrare nello spazio ed a vedere la terra da li, un'esperienza che non sono in molti a poter vantare. Non conosce molto bene i motivi della presenza di questo chicco, ricorda solo che quando era piccola e non riusciva a dormiere pensava spesso al viaggiare di notte, nel cielo, ma non troppo in alto, per poter scendere quando voleva nelle vie della sua città, che dava sul mare, e girovagare nelle luci del lungomare tra la gente che preferisce al notte alla confusione del giorno. Ed una sera, come in un sogno, è apparso questo chicco che le dava la possibilità di realizzare il suo desiderio, e di godersi il senso di dolcezza che la notte, se vissuta bene, trasmette.
Perchè di notte si può girare indisturbati se si è tristi senza che nessun conoscente ci fermi per strada, si può fare il bagno in spiaggia senza tutto il rumore che la gente fa di giorno, insomma fare una vita da vampiri è la cosa più bella che possa capitare.
C'è solo un'altra cosa che supera la bellezza della notte, la possibilità di vedere l'alba, che già dal nome è sinonimo di novità e speranza, regala sensazioni di ottimismo e di forza per il futuro, quando la vedi pensi al giorno dopo, alle possibilità di regalare qualcosa al mondo partendo dalla gente intorno a te, Vanessa lo sapeva, e tutte le notti quando il sole stava per spuntare si metteva in spiaggia ed ammirava il sole che spazzava via le sue amate tenebre, alle quali non diceva mai addio ma solo arrivederci, perchè senza buio non si può stare, ma la bellezza della luce che il sole ci regala è unica.
Per questo Vanessa non cambierebbe con nessun potere la sua capacità di godersi la notte e quella palla di fuoco che che la spazza via.

 

1
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • ELISA DURANTE il 09/06/2011 13:09
    Pieno di poesia. Ho immaginato che Vanessa non sia sola, a vivere questa esperienza (il mondo è tanto grande) e, anche se tu parli di "chicco", ho pensato alle famose "sfere di luce" collegate con i cerchi nel grano!!!
  • Noir Santiago il 03/06/2011 12:04
    Ciao. LA tua sembra proprio una storia di quelle che si raccontano attorno al fuoco. Mi è piaciuta la spontaneità del racconto e l'alone di novella. COncordo con quello che ti ha consigliato Giorgio De Simone, seguendo i suoi consigli farai senz'altro meno fatica. Spero di rileggerti presto.
  • Giorgio De Simone il 02/06/2011 20:08
    Ciao Riccardo. Hai delle idee bellissime ed i tuoi racconti sono pieni di poesia. Se permetti ti do due consigli. Dai un nome ai tuoi personaggi... per esempio Amalia. In questo modo puoi usarlo più volte evitando arzigogoli come "dovete sapere che esiste una donna" oppure "per questo la donna del racconto". Puoi anche eventualmente scrivere in prima persona, per esempio: "Ho conosciuto una donna" oppure "La prima volta che ho conosciuto Amalia". Dimmi se i miei presunti suggerimenti ti dovessero seccare, ma sono convinto che la scrittura ti accompagnerà nella tua vita dandoti tante soddisfazioni.
    Un saluto. Giorgio.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0