PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Dio, l'uomo, la conoscenza e l'energia

Premessa.

Questo breve scritto "poggia" sull'ormai consolidata tendenza che vede il mondo culturale e scientifico, mettere in discussione le principali teorie sull'evoluzionismo e quelle collegate alle fondamenta delle varie fedi e religioni.


Affrontare temi inerenti a dogmi di scienza e di fede è impresa assai ardua, poiché dibattere "delle nostre verità", significa andare davanti allo specchio col pensiero di accettare un'immagine diversa da quella vista sinora, cosa non esattamente semplice.


L'idea, tuttavia, è quella di "sfiorare" detti temi sfruttando un "percorso logico", alimentato e agevolato da una moltitudine di studi indipendenti (e non solo), oltre che da numerose riflessioni che "impegnano" la rete in modo costante e, spesso, illuminante.


Partendo dal presupposto, neanche tanto remoto, che la razza umana possa essere stata "incoraggiata" nel suo cammino evolutivo da un intervento alieno/superiore, è possibile costruire un ragionamento in grado di aiutarci a osservare, collegare e comprendere meglio, alcuni aspetti che attengono alla nostra quotidianità.


È implicito che questo concetto "voglia" anche che Dio sia sostituito/sostituibile, con una o più entità/esseri provenienti da un "altro mondo".


Alla luce della considerazione appena illustrata, pare"equilibrato" riflettere sulla possibilità che l'uomo sia stato "creato" per essere, successivamente, "studiato" da parte di un'intelligenza più evoluta.


Il termine "studiato" è posto fra virgolette, poiché s'intende comprensivo anche dei seguenti significati: "Educato, civilizzato, esaminato, utilizzato, sfruttato, dominato" e via discorrendo.


Questo ragionamento è stato ispirato da due interessanti letture, in una era spiegato, con il semplice uso della logica, come l'uomo abbia imparato a parlare grazie a un "aiuto esterno", poiché "... non poteva parlare da solo: aveva bisogno necessariamente di ascoltare la voce di un Altro..."; nella seconda, attraverso una differente visione dei c. d. "libri sacri", si arrivava a una rilettura "... con gli occhi dell'uomo moderno..." del mito di Adamo, indicando che "... il peccato originale era la conoscenza scientifica!".

12345

l'autore Antonio Pani ha riportato queste note sull'opera

Le due letture citate nel testo sono: "Il signore dell'anello mancante", di Alfonso Marzocco e il dossier "Ufo e Vaticano", di Cristoforo Barbato.

Saggio pubblicato sul blog:www. anticorpi. info.


un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

12 commenti:

  • Antonio Pani il 14/12/2012 11:57
    Grazie Vincenzo, per il tuo cortese e gradito passaggio.
    Assolutamente daccordo con te sulla necessità di ricercare e coltivare con vigore "qualcosa che unisce".
    A rileggersi presto, ciao.
  • Vincenzo Capitanucci il 14/12/2012 08:56
    Quando l'uomo ha conoscenza di Dio si tramuta in pura energia... Ottimo Antonio... l'Eden un parco di giochi... ma per carità non fondiamo nuove religioni... che separano invece di unire...
  • Antonio Pani il 07/01/2012 10:52
    Grazie Silvia, felice del tuo passaggio e delle tue preziose riflessioni. Invito anche te, tempo permettendo, a dare un'occhiata alle fonti che ho citato nelle note sull'opera. A rileggersi presto, ciao.
  • silvia leuzzi il 06/01/2012 23:11
    Per poter anche solo sperare in un cambiamento, da questo punto di vista, è indispensabile recuperare autosufficienza e considerazione di se" (in senso generale), prima ancora di immaginare un progetto di ricostruzione più ampio e condiviso- Questo concetto mi ha molto colpito perchè riassume tutto il lavoro che i pensatori devono intraprendere con tutti coloro che li circondano: aiutarli a recuperare l'autosufficienza del loro pensiero, liberi finalmente dalla droga mediatica che li aveva resi nulli, lasciando che fossero schiacciati e sfruttati. Vedi per quanto riguarda l'aspetto dell'apprendimento linguistico da parte dell'uomo, ti posso quasi garantire che nasce da un'esigenza di comunicazione che si è evoluta tra le prime comunità. Io ho un figlio disabile e per i primi anni di vita ha dovuto seguire una serie di terapie tra cui logopedia, ti posso assicurare che è l'esigenza di veder soddisfatti i propri bisogni che consente all'uomo le sue più grandi conquiste. Dio è un concetto grande su cui è possibile spaziare e a cui convogliamo tutti perchè è una nostra necessità, altrimenti non avremmo neppure formulato tali pensieri o no? Ciao molto interessante davvero
  • Antonio Pani il 23/09/2011 11:42
    Grazie Pietro, grazie Yuri,
    spero avrete tempo e pazienza per dare una "sbirciata" anche alle due fonti che ho citato nelle note sull'opera.
  • YURI STORAI il 23/09/2011 09:19
    molto ma molto interessante, i miei complimenti, anche per l'accuratezza
    delle informazioni e del loro sviluppo logico, un bel mistero...
  • Anonimo il 29/07/2011 15:41
    Commento con questa frase di Giordano Bruno: "uomo di Dio" Mi stai chiedendo qual è l'energia che alimenta e crea i pensieri umani?
  • Antonio Pani il 13/06/2011 10:01
    Grazie di cuore per i commenti.
    Per Rosaria: Condivido le tue riflessioni, soprattutto la tua frase di chiusura che esprime in toto il mio "sentire". Per me, infatti, Dio è Amore, pieno puro e incondizionato e, nel mio piccolo, aggiungo che questo concetto esprime anche una forza e un'energia che uniscono l'intero creato. Quindi, è proprio come dici tu "... se seguiremo i suggerimenti del cuore e dell'anima e se sapremo accettare i limiti del nostro intelletto presuntuoso..." supereremo la prova dell'esistenza terrena.

    Per ClaCar: il mio ragionamento, che è nato da un turbinio di pensieri alle prime ore del mattino, è frutto anche di alcune letture, in particolare di quelle indicate nelle note. Io credo in Dio e non ho dubbi che ci sia qualcosa che "supera" il nostro umano percepire e sentire la vita. Quando parlo di "sancire ab origine" ciò che noi siamo, io lo intendo esteso alle origini della vita stessa, in qualunque forma essa si manifesti.

    Con il mio breve scritto, intendo evidenziare quanto pesino conoscenza e cultura nel nostro "percepire quotidiano", anche a livello spirituale ed emozionale. Sembra indubbio che determinati comportamenti e modi di vivere siano indotti e "controllati" da chi gestisce il sapere e, non a caso, anche il potere. Mi premeva, quindi, esprimere un "pensiero a voce alta", che "fotografasse" la situazione, così da portare lettori e autore a ulteriori riflessioni e approfondimenti. Credo sia da tenere bene in considerazione l'aspetto "dominio/gestione" dell'energia e i suoi sviluppi nel prossimo futuro.
    Grazie ancora, a rileggersi, ciao.
  • Anonimo il 12/06/2011 21:34
    refuro ratto di elia
  • Anonimo il 12/06/2011 21:32
    Caro antonio in primis ti dico che , essendo credente, sono in accordo in toto con ciò che rosaria riporta.. ma leggendoti mi viene da pensare che tu possa aver estrapolato queste idee da qualche libro del noto sumerlogo Zecharia Sitching, e comunque sicuramente da un'attenta analisi di alcuni "specifici episodi biblibi" : visione di ezechiele, taratto di elia... ect... che hanno fatto pensare anche me e non solo... In ogni caso mi sorge spontanea una domanda... ma ammesso e non concesso che questi alieni possano esistere (come in parte credo che sia) ma da quale essere superiore o dio possono essere stati creati??? e cosi via... sempre detto tra me e te credo che il Signore ci abbia dato un'intelligenza superiore... anche per poter affrontare certi tipi di discorsi... che nulla tolgono ad un credente... anzi... un caro saluto... e comunque un attenta richerca...
    ps è la seconda risposta che ti invio la prima non l'ha presa...
  • rosaria esposito il 11/06/2011 21:22
    rieccomi. avevo scritto un commento qualche ora fa, ma l'algoritmo non ha voluto salvarlo... neanche quando ho fatto a pugni, volevo insistere ancora ma dovevo fare le polpette.. dunque, Antonio, io dico che a un certo punto bisogna fermarsi, perchè il nostro raziocinio non è programmato per capire tutto. sì, Dio ci ha sancito ab origine, spiritualità-raziocinio, emotività-intelligenza, ed è dall'armonica simbiosi di queste nostre capacità che possiamo trovare l'equilibrio. chi non crede in Dio, molte volte, è perchè si sente deluso dal fatto che Lui non interviene a guarire i nostri dolori, o perchè alcuni dei suoi "discepoli" contravvengono ai suoi comandamenti. ma questo non ha importanza, poichè ciascuno di noi risponderà a Lui per le sue azioni. azioni che dobbiamo scegliere giorno per giorno.. nei pensieri, nelle opere e nelle parole. perchè il dono più grande di Dio per noi è il libero arbitrio. la nostra esistenza su questa terra è una prova che supereremo se seguiremo i suggerimenti del cuore e dell'anima e se sapremo accettare i limiti del nostro intelletto presuntuoso.
  • Antonio Pani il 09/06/2011 16:05
    Spero avrete la pazienza di leggere tutto, unita al piacere di esprimere il vostro commento e/o critica. Grazie, ciao.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0