accedi   |   crea nuovo account

Pianto e stridore di denti

La Violenza una notte s'imbatté nel Pentimento, lo pestò a sangue e s'allontanò soddisfatta. L'indomani, ai funerali del poverino, tuonava in Chiesa il pianto di lei, per mano all'amica Vendetta. Il buon Dio attese nel chiostro la fine della funzione, e quando tutti furono usciti spolverò le panche, buttò i fiori vecchi, contò i danari dell'offertorio. Si fa sera. Per la Gilda basteranno, disse tra sé e sé.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0