PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il compleanno

Oggi compio 5 anni. La mamma mi ha preparato una bellissima torta con tante ciliegine, le candeline rosa e la scritta "Auguri" fatta con minuscoli fiorellini di zucchero colorato su cui tento di allungare la mano per un piccolo assaggio. Ma la mamma intuisce il gesto e mi dice di pazientare ancora un po'.
Per l'occasione indosso un vestitino bianco che lei stessa ha cucito, arricciato sul davanti e decorato con nastri colorati, a formare uno splendido arabesco, con le maniche a sbuffo, aderente in vita e leggermente scampanato fin sopra le ginocchia sul cui orlo sono ricamati sottili rametti abbelliti da piccole roselline rosse e gialle. Il vestito che molto orgogliosamente sfoggio mi fa sentire una regina. Sono al centro della scena, ammirata e vezzeggiata da tutti e immortalata nelle pose più svariate per le foto ricordo in bianco e nero.
Per una volta ho l'attenzione di mia madre i cui riflettori, perennemente puntati su mia sorella, pestifera e incontenibile, oggi sono accesi solo per me.
Sebbene anche mia sorella, come me, sia ben agghindata e acconciata per l'occasione, non regge il paragone. La ribalta oggi è solo mia e i complimenti sono tutti per me! Così io mi pavoneggio con tutta la grazia (e la goffaggine), di cui sono capace per ripagare la mamma delle sue attenzioni.

 

l'autore Fernando Piazza ha riportato queste note sull'opera

Foto ricordo Luglio 1968 ( testo di mia moglie)


un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • Fernando Piazza il 26/10/2011 18:13
    Certi comportamenti e sentimenti provati da bambini sono universali: tappe quasi obbligatorie e formative attraverso cui passare per accedere e giungere al successivo stadio della crescita e in cui l'Amore (qualsiasi modo per ottenerlo è lecito) fa da catalizzatore e da forza trainante... Insomma, è come si suol dire "A la guèrre comme à la guèrre". Anna
  • Bianca Moretti il 16/07/2011 18:03
    Chi non le ha vissute certe gelosie tra fratelli per contendersi e accaparrarsi l'amore supremo tutto per sè... Hai reso molto bene il senso di rivalsa e lo spirito di competizione per procurarsi un posto al sole tra due contendenti altrettanto motivati e miranti allo stesso obiettivo. Brava.
  • Fernando Piazza il 13/06/2011 18:32
    In realtà le ho fatte anch' io ma non so se le pubblicherò: le mie sono istantanee in confronto a quelle di mia moglie che, andando avanti, somigliano sempre più a foto-racconto con una buona messa a fuoco piuttosto che semplici flash o fotogrammi.
    A lei non importa tanto se viene o meno letta (bada, non che i commenti non gli facciano piacere), quanto vincere la scommessa con se stessa, perchè lo scopo primario era tirar fuori la sua capacità di ricordare episodi e trascriverli, cosa che lei non riteneva di riuscire a fare. La sfida l'ha già vinta con se stessa, il suo miglior interlocutore...
  • Anonimo il 13/06/2011 17:54
    Sai tempo fa, anch'io pubblicavo qualcosa che è molto simile alle fotografie di tua moglie... le chiamavo lettere perché avevano un destinatario, la società... parlavano di incubi e frustrazione ( noi maschietti in prosa siamo molto più mordaci! )... poi mi sono reso conto che alla gente non frega un cazzo di ciò che uno prova... e ho preferito sputtanare gli altri in racconti singolari dal punto di vista linguistico...
    Ma tu... perché non pubblichi anche le tue di lettere, fotografie, sicché l'esperimento possa proseguire? Magari ne esce qualcosa di interessante... dico vediamo se si può istituire un confronto con quelle di tua moglie... ahahahahahah
    Ciao Fernando
  • Fernando Piazza il 13/06/2011 10:46
    Ah ah ah Elisa, troppo bella la tua definizione... È vero, è una scroccona! Qualcuno ha suggerito che si potrebbe fare un'iscrizione "di coppia" e ci stiamo pensando... il fatto è che siamo poco pratici della procedura e ce la dovremmo studiare un pò. Per il momento, cavallerescamente le cedo un po' del mio spazio.
    Mia moglie ti ringrazia per il gradimento delle sue "perle di memoria", definizione apprezzatissima.
  • ELISA DURANTE il 13/06/2011 10:26
    Scusa Fernando, ma perchè non incoraggi tua moglie a fare la propria iscrizione al sito?
    Ho letto e gradito molto le sue piccole "perle di memoria" e non capisco perchè debba fare l'"autostoppista" !
  • Fernando Piazza il 13/06/2011 09:38
    Grazie Giacomo per l'incoraggiamento a scrivere... Sono semplici flash che non colmano le lacune del ricordo (sarebbe come raccontare un sogno che nel tentativo di spiegarlo diventa altro) ma captano le emozioni più intense ad esso legato...
    È una regola che mi sono imposta componendo questa specie di collage del tempo che fu e spero di riuscire a trasmettere almeno in parte il senso e l'essenza più "profonda" che ciascun tassello ha infuso alla mia vita. Anna.
  • Anonimo il 13/06/2011 07:13
    Bellissimo anche questo ricordo... molto significativo. Impeccabile la descrizione del vestitino ed il paragone con la sorella... solo voi donne potete arrivare a queste finezze... mi ha ricordato la mia prima comunione... ho una foto in bianco e nero nella quale mostro l'orologio che mi regalò lo zio Giovanni... brava brava, scrivi molto bene. Continua... ciaociao
  • Fernando Piazza il 11/06/2011 17:36
    Era esattamente il messaggio che mia moglie voleva trasmettere:a quell'età l'attenzione e l'amore di una mamma valgono più di mille cose materiali...
  • Anonimo il 11/06/2011 15:31
    per una volta ho l'attenzione di mia madre... i bimbi non dimenticano... gli sguardi, persino il tono di voce rimane ben impresso... complimenti a tua moglie...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0