PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Serata d'estate

In un vicolo al buio mi ritrovo a passeggiare,
un muto silenzio disturbato da cicale e
da ciottoli che si intrecciano tra i miei passi.
Nella mia mente solo vaghi pensieri,
che arrecano gioia e dolore al mio cuore.
Improvvisamente, brividi sulla mia pelle,
sudore dalla mia fronte e il mio cuore scalpitante come
un treno in corsa.
Il mio respiro diviene sempre più debole.. qualcosa mi travolge,
facendomi perdere i sensi.
Apro gli occhi; il vicolo è pieno di luci, di gente, artisti di strada che intrattengono la folla, musicanti che rallegrano l'atmosfera con i loro strumenti.
È bellissimo. I bambini con lo zucchero filato e
i loro sorrisi contagiosi. Mi faccio strada tra la folla.. ma qualcosa mi tira il braccio. Mi volto e vedo un angelo con due splendidi occhi celesti, con una bellezza straordinaria, che mi tiene la mano e sorridendomi mi esclama "Aspettami!".
Rimango incantato, si avvicina a me baciandomi sulle labbra.
Nella mia mente i pensieri sono volati via,
una sensazione indescrivibile, chiudo gli occhi e mi
faccio trasportare da questo uragano dentro me.
Silenzio.
Riapro gli occhi.
Mi guardo intorno, sono a terra nel buio vicolo.
Una lacrima scende dal mio occhio e un triste sorriso appare sul mio volto.

 

1
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 02/07/2014 05:22
    apprezzato... complimenti.

1 commenti:

  • ELISA DURANTE il 13/06/2011 10:10
    Un sogno o una morte improvvisa? Propendo per la prima ipotesi per via del sorriso che, seppur triste, male si accompagna a una dipartita causata da infarto (l'unica, che io sappia, così repentina). Rivedrei i capoversi...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0