PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'incrocio

Il resto del gruppo ti aspettava alla fine della strada principale. Non so, perchè eri rimasto indietro, e da un tipo come te, a cavallo di quel genere di motocicletta, non ci si aspetava che tu stessi là fermo, all'unico semaforo del paese, ad attendere pazientemente il verde.
Assorta nei miei pensieri, io non avevo attraversato subito la strada, e fu il suono della tua voce a riportarmi in contatto col mondo.
"Salta su bella! " mi apostrofasti con un ghigno da pirata, che alludeva ad avventure che nulla avevano di casto e per bene, e le mie labbra ti risposero con altrettanta provocazione, schiuse in un sorriso che non ebbi modo, tempo, e forse neppure voglia, di tenere a freno.

Bastò un secondo, bastò una tua occhiata più attenta, e la tua espressione cambiò, le tue labbra si ricomposero in un sorrisetto di contrito rispetto, mentre il tuo sguardo si fissava sul mio ventre, gravido del mio terzo figlio, e già visibile sotto la mia veste di giorno in giorno più stretta.

Un colpo di vento mi scompigliò i capelli. Sono ancora i più belli del paese, ancora li porto sempre sciolti, e sono così lunghi, che un ciuffo si posò un momento sulla tua spalla mentre, allo scatto del verde, senza un saluto, senza nemmeno voltarti, tu partivi.

 

1
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Maria Lupo il 28/09/2007 00:26
    Leggo in ritardo ma apprezzo molto la capacità di ritrarre in un piccolo quadro, con leggerezza, dei temi importanti.
  • Antonello Gualano il 07/03/2007 13:22
    originale e delicato. In poche righe riesci a far amare dei personaggi... grande dote! brava
  • Momentum il 18/11/2006 22:18
    brano toccante
  • Sara B il 18/11/2006 00:44
    Un racconto semplice, fluido, leggero. Molto ben scritto e descritto. Mi è piaciuto molto. Complimenti. Ciao
  • Raffaele Giugliano il 16/11/2006 10:47
    Un piccolo quadretto, ben tratteggiato. Due cose mi lasciano perplesse nel finale:
    - l'uso del presente indicativo. Mi sembra più approriato l'imperfetto "erano ancora i più belli del paese..."
    - avrei usato il passato remoto nell'ultima frase, spostando la posizione del verbo: "partisti, allo scatto del verde, senza un saluto, senza nemmeno voltarti."

    Spero che le mie osservazione non abbiano tratto in inganno. Il racconto mi e' piaciuto molto.
    voto:8

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0