PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il nonnino super cuoco

Trovandosi solo soletto, quel nonnino brillo, ma non troppo, specialista dei fornelli e del forno, da far faville con gli ingredienti di natura umile e sana. In breve, una ricetta vuol qui lasciar ai suoi fedeli lettori.

Ingredienti: Mezzo kg circa di cosciotto di maiale:
150 - 200 grammi di funghi freschi;
due o tre fette di buon prosciutto cotto;
100 grammi di mozzarella fresca;
un kg circa di piccole patate novelle.

Preparazione: La carne dopo essere stata lavata ed asciugata, si infila dentro un coltello per aprirla a mo' di tasca, la si riempie dei funghi,(saltellati già prima in padella con un po' d'olio, sale, aglio, pepe macinato fresco e alcune gocce di buon vino). Per finire si aggiungono le fettine di prosciutto e la mozzarella tagliuzzata e si chiude.

Il nonnino la chiusura la fa cucendo con del filo bianco doppio la parte aperta, che poi estranea.

Le patatine dopo essere state lavate, asciugate e tagliate a metà, si spolverano di sale e cumino, e attendono pazienti il loro turno.

Intanto la carne preparata come sopra riportato, la si pone in una teglia imburrata, dopo essere stata da tutte le parti cosparsa di sale, pepe macinato, rosmarino, un po' d'olio d'oliva e qualche goccia di vino.

Il nonnino preferisce il vino dei castelli romani, rosso e di buon'annata.

Si mette a forno già riscaldato a 220° e dopo circa 15 minuti si tira fuori e si aggiungono le patatine, rivoltando la carne, e se necessario aggiungendo un po' d'acqua; il tutto rimettendo in forno per altri 15 minuti circa e poi spegnere.

Il cuoco ha un suo sistema personale; infila uno stuzzicadenti nella carne e se lo ritrae facilmente e quasi asciutto vuol dire che la carne è fatta, lo stesso dicasi per le patatine.

Quindi il tempo di cottura è relativo. Ad ogni modo dopo avere spento il forno, lasciatelo per un po' riposare.

A proposito il cuoco ha dimenticato di nominare la portata. Io la chiamerei: Arrosto alla Don con patatine novelle

Che ne dite?

Buon appetito!

 

0
3 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 20/04/2015 18:41
    Trovandosi solo soletto, quel nonnino brillo, ma non troppo, specialista dei fornelli e del forno, da far faville con gli ingredienti di natura umile e sana... e poi'... ma non si accorge Don che questa è una frase sospesa?... manca il predicato verbale... trovandosi solo cosa fece, si può sapere?... no, mi creda, la narrativa non fa per lei. Un saluto.
  • Mamma Pigra il 19/10/2012 19:59
    un modo piuttosto divertente e leggero per proporre delle ricette a chi odia stare ai fornelli e preferisce leggere. Adatta a me!

3 commenti:

  • Don Pompeo Mongiello il 20/04/2015 19:23
    A Duliano Ergassia, il rompicasso, la fantasia lascia il predicato verbale al lettore, e si capisce a venti miglia.
  • ELISA DURANTE il 15/06/2011 13:37
    Una ricetta appropriata, data l'ora! Sento un delizioso profumino spandersi per ogni dove! Bravo il Don in veste di chef!
  • Anonimo il 15/06/2011 13:36
    Da leccarsi le dita... bravo Don, grazie della ricetta... la proverò. Ciaociao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0