PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Un sogno

Ho fatto un sogno straordinario: Ero al buio, quel buio profondo che dà la sensazione della non esistenza, quando ad un tratto, un gran bagliore mi riportò alla realtà.
Una fata mi apparve: era bellissima... bella come in quelle favole che nessuno mai mi ha raccontato.
"Esprimi un tuo desiderio" mi disse, agitando la bacchetta magica... La guardai, sbigottita... non parlavo... non desideravo niente... o forse desideravo troppo! Incoraggiata dal sorriso compiacente, osai:
"Fammi divenire pazza! Si, regalami la pazzia... quella pazzia lucida, cosciente che dà il coraggio di sputare la verità, di vomitare l'odio, di denudare la gente... Ti prego, continuai, un solo tocco della tua bacchetta e liberami, spogliami di quella censura fatta di razionalità, moralità, tabù... Soltanto allora avrò l'impudenza di dare amore a chi amo e disprezzo a chi odio.
La vita è una farsa; ad ognuno tocca una parte, sempre la stessa, quella di sepolcro imbiancato... io, il mio ruolo l'ho avuto... Lo esecro! E per giunta sono una pessima attrice."
La bella signora non capì... non poté capire questo mio strano desiderio... Aggrottò le sopracciglia per il disappunto e senza indugiare, agitò la bacchetta minacciosa e sparì...

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Anonimo il 14/07/2011 22:51
    Scappano sempre... mi piace molto il tuo carattere aggressivo... brava Rose... In questi siti di poesia si vuol sempre l'aggressività ai minimi storici per una mera funzionalità del sito... comprensibile da parte di chi gestisce e non vuole gente che scrive cose forti.
    Ti sostengo in quanto penso che l'aggressività nella poetica sia una delle cose più importanti...
    Secondo me un pugno in faccia ha generato il linguaggio.
    Non son d'accordo con le offese gratuite... ho sbagliato anch' io, ma qualsiasi parte della costruzione poetica deve avere una sana aggressività e tu hai dato un bel la...
    Brava Rose Marie Avaro!
  • Rose-Marie Avaro il 21/06/2011 07:07
    Grazie Bruno per tutti i tuoi commenti! Si, forse un po' troppo... L'ho scritta tanti anni fa! dovevo avere tanta rabbia dentro!!
  • Bruno Briasco il 20/06/2011 22:21
    Bella... riflessiva... anche se trovo un po' forte il versare odio...
  • nicoletta spina il 15/06/2011 22:56
    Mi piace questa riflessione, anche perché anch'io spesso l'ho immaginata... sognata. Per quella pazzia lucida ci vuole molto coraggio e senz'altro poco viene capita e ricambiata.
    Brava Rose-Marie!
  • Rose-Marie Avaro il 15/06/2011 13:38
    @ Elisa :Era un sogno ad occhi aperti... una favola... il desiderio di sentirsi liberati da tutto cio' che è convenzionale!
  • ELISA DURANTE il 15/06/2011 13:33
    Anche la fata era un sepolcro imbiancato!!! Ma nel sogno...
    Al risveglio ti renderai conto di avere imparato sicuramente molto, da quella notte agitata, e saprai essere affermativa, nel bene e nel male, senza diventare e, soprattutto, senza sentirti pazza!
  • Anonimo il 15/06/2011 07:09
    Bella riflessione, condivisibile... io ti ho capito bene proprio perchè quella pazzia lucida fa parte della mia persona. Un po' lo sono, pazzo, un po' lo faccio per comodità... in questo modo mi sento libero di fare e dire cose alle quali tengo... unica contropartita: si è sè stessi ma si diventa più litigiosi... in alcuni miei racconti esce questo mio carattere. ciaociao, brava.
    P. S. non guardare le stellette... c'è qualche burlone, ultimamente... io te ne do 5

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0