username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La fiaba dell'Aquila e dell'aquilone

C'era una volta un'Aquila che non sapeva volare.
Non guardava neppure il cielo, perché pensava non fosse raggiungibile.
A dire il vero, l'Aquila non sapeva neppure di essere un'aquila, perchè nessuno le aveva mai detto a cosa servivano le ali e non era mai stata con le altre aquile.
Un giorno la vide un Uomo, mentre stava cercando di svolazzare nel cortile della sua casa.
Allora, l'Uomo la guardò e le disse: "Ciao bellissima Aquila, che cosa ci fai nel mio cortile, perché non voli nel cielo insieme ai tuoi simili".
E l'Aquila rispose: "Ma io non so volare e non conosco i miei simili, che cos'é un'aquila?"
L'uomo stupito ed intenerito, prese con sé l'Aquila e giorno per giorno le insegnò a volare.
Tuttavia, per rassicurarla e per non perderla, legò un filo alla sua zampina, in modo tale che l'Aquila si sentisse sicura e ritornasse da lui alla sera.
L'Aquila iniziò a volare sempre più in alto.
Un giorno si spinse fino all'altezza delle nuvole, ma quando sentì il filo tirare, pensò che non sarebbe potuta arrivare fin lassù e tornò più in basso.
L'Aquila continuò a volare per molto tempo all'altezza degli aquiloni, tanto che riconobbe in essi i suoi simili.
L'Uomo, intanto, teneva stretto il filo ed era felice nel vedere rientrare tutte le sere l'Aquila nel suo cortile. L'Aquila era felice di volare con gli altri aquiloni e alla sera recava gratitudine al suo padrone.
I voli continuavano uguali, anche se il padrone dell'aquila iniziava a non curarsi più dell'animale come prima. Era tornato ad occuparsi della sua famiglia, ma si sentiva rassicurato nel veder tornare l'Aquila nel cortile tutte le sere.
Un giorno l'Aquila volò più in alto del solito, ma quando arrivò quasi all'altezza delle nuvole si fermò, ricordando che a quel punto il filo avrebbe tirato.
Quando stava per tornare indietro all'altezza degli aquiloni, la raggiunse un'altra aquila e le disse: "Ciao sorella, vieni su con noi altre, che cosa ci fai così in basso?"
L'Aquila rispose: "Ma io non posso volare così in alto, devo tornare con i miei simili, indicando gli aquiloni"
L'altra aquila replicò, stupita: "Ma siamo noi i tuoi simili, guardami!!! Quelli sono aquiloni! Vieni con noi, ti farò vedere il mio nido, stanno per nascere i miei piccoli. Tu hai fatto il tuo nido?".
L'Aquila, confusa e sconcertata, disse: "Ma io non ho mai volato così in alto e non ho mai fatto un nido. Ho solo un cortile ed un padrone che amo tanto".
L'altra aquila: "Perché resti in un cortile e voli all'altezza degli aquiloni, quando potresti avere il cielo intero ed un nido tutto tuo? Forse fai questo, perché ti ama molto il tuo padrone?"
L'Aquila iniziò ad avere dei dubbi: "Lui mi ha insegnato a volare e mi ha legato questo filo, ma ora guarda soltanto se rientro la sera ed è tornato a curarsi della sua famiglia"
"Vedi Lui ha costruito il suo nido e lo protegge" disse l'altra aquila "E tu, invece?"
Scese il silenzio e l'Aquila, con gli occhi pieni di lacrimei, iniziò a stendere le ali sempre di più, fino a volare in alto oltre le nuvole.
Quando si voltò, vide che nessuno teneva più il filo.

Questa è la storia dell'Aquila che aveva deciso di essere un aquilone.

 

2
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Bruno Briasco il 18/07/2011 20:24
    Sono concorde con tutti... specie con Roberto che per me ha centrato pienamente la morale di questa simpatica fiaba.
  • Anonimo il 03/07/2011 13:10
    A me invece colpisce il fatto che ci sono persone pronte ad aiutarti e a darti amore, ma in cambio ti legano, ti impediscono di esprimerti liberamente... L'amore, o se vogliamo l'altruismo, dovrebbe essere un dare senza chiedere nulla in cambio. È lodevole soccorrere la giovane aquila e insegnarle a volare, ma è sbagliato farla diventare un proprio possesso, legarle un filo per non farla scappare, limitarla ad assimilarsi agli aquiloni. Grazie Angela di questa bella fiaba!
  • Anonimo il 21/06/2011 21:03
    non sapeva di non avere limiti... meravigliosa metafora... angela
    ps molti genitori tengono legati come aquiloni i propri figli... per paura che volino in alto...
  • sara zucchetti il 20/06/2011 18:01
    Brava bella favola graziosa e con un significato di vita. "Volare liberi come un 'aquila e crearsi il nido"
  • rosanna erre il 19/06/2011 22:45
    Ciao Angela, trovo vari elementi interessanti in questa tua nuova fiaba: la propria natura, la libertà, il valore della famiglia. Spesso siamo proprio noi stessi a non voler vedere oltre le nuvole e a crearci rassicuranti fili (legati a sassolini di pietra pomice)

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0