PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Non c'è più rumore

E il suo dolore si infranse come il cristallo di un vaso.
Coriandoli di paure e pensieri brillavano alla luce di quel tramonto rossastro, riflessi marini che si suicidavano nel passato di un deserto.
Il suo pensieri prese forma, una frase uscì dalle sue labbra carnose e screpolate, il vento spolverò quell'idea facendola brillare sotto il sole di settembre.
L'arcobaleno era stato bruciato.
Il destino sigillato in una teca senza speranza, gridava bestemmie putride alla vita.
E la cosa che odiava al mondo era se stesso.
E la cosa che amava più di ogni altra era l'idea della sua morte.

E il rumore elettronico di quell'ospedale che la strappava alla terra e ai vermi d'improvviso cessò.

 

0
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 15/04/2014 01:01
    Molto apprezzato... complimenti.

0 commenti: