accedi   |   crea nuovo account

La morte è un urlo

Prima scena: Il visitatore della galleria osservò lungamente i fiori raffigurati con estremo realismo nel quadro.
Inevitabilmente il suo sguardo tornò ripetutamente a quel raccapricciante passero nel margine inferiore di sinistra, il dorso schiacciato da un sasso, il becco contorto verso l'alto nell'estremo grido.
La vegetazione testimone del dramma.
Seconda scena: C'erano molte persone al museo botanico di Copenaghen in quella assolata giornata.
Fiori e piante emanavano incredibili profumi, una bambina dava da mangiare alle papere.
Il passero non ne conosceva il motivo, ma si sentiva soddisfatto.
Si posò a terra e fece qualche saltello.
Poi, quel dolore insostenibile. Urlò.
Terza scena: L'artista stava dipingendo.
Sentiva di riuscire a trasporre sulla tela le sensazioni di pace che la natura gli trasmetteva.
In un istante capì di dover interrompere tale armonia.
L'opera d'arte, quella che lo avrebbe fatto ricordare per sempre, apparve nettamente davanti ai suoi occhi.
Quando lanciò il sasso, l'urlo della natura lo fece rabbrividire.
Dovette abbassare lo sguardo e cercare di non sentire.
Fu solo un attimo.

 

l'autore Dino Borcas ha riportato queste note sull'opera

in: Dino Borcas - Piccoli crimini quotidiani - Ed. Il Ponte Vecchio, Cesena 2008
informazioni sul libro e altri brani in http://dinoborcas. it
27 video su www. youtube. com, con ricerca: Dino Borcas


0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Fernando Piazza il 24/06/2011 09:50
    Davvero bello questo rimando, pur nel cambio di "scena" all'immagine indelebile e più importante che sovrasta ogni altro rumore di sottofondo: l'urlo di dolore così inascoltato eppure così assordante nel suo dispiegarsi...
    Un'osservazione: nel video il volume della musica è troppo alto e rovina la fluidità, la bellezza e la potenza delle parole narrate, che dovrebbero risaltare molto di più...
  • nicoletta spina il 22/06/2011 22:38
    Un sasso, un urlo, un attimo...
    la natura ci dona bellezza e quando muore il brivido ci fa gelare,
    ma l'opera d'arte rimane...
    " Perciò, stammi a sentire... non fare il restio,
    sopportami vicino - che t'importa?
    Queste pagliacciate le fanno solo i vivi:
    noi siamo seri... apparteniamo alla morte!" ( Totò )
    Molto bello il racconto ed anche il video.
  • Dino Borcas il 22/06/2011 18:56
    nella versione originale, anziché: prima/seconda/terza scena, è presente uno spazio che divide ogni parte, ma ciò non è consentito dalle regole di pubblicazione per i racconti in questo sito...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0

- Il video di quest'opera -