PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Abbandono

Stamattina mi svegliai molto presto. C'era qualcosa di diverso, nell'aria. Era più caldo del solito. Bogo sembrava agitato. Abbaiava in continuazione, come se avesse visto qualcosa d'interessante. Forse era stato proprio il suo guaito a svegliarmi.
Mi vestii in fretta, mi lavai la faccia e corsi dal mio cagnone. "Cagnone" per modo di dire. Certo, era un pastore tedesco adulto di grossa taglia, ma per me era un piccolo cucciolo.
Mi ero sempre chiesta come avesse fatto un cane di tale razza a trovarsi su un'isola deserta.
Comunque, seguii i suoi guaiti sino alla spiaggia. All'inizio non capii cosa avesse fatto entusiasmare il mio cucciolone.
Ma poi, guardando con più attenzione, mi accorsi che qualcosa si era incagliato, dietro agli scogli. Si muoveva appena nella bassa marea mattutina. Una barca, anzi una scialuppa.
Ne vedevo appena la prua.
Decisi di controllare meglio e avanzai cauta tra le onde che mi lambivano appena le caviglie. Udì un tonfo, come qualcosa che precipitata in acqua, ma non vidi nulla tra le onde.
Fu solo raggiungendo la scialuppa che capii di aver trovato molto di più di un semplice guscio di noce.
Distesa nella scialuppa c'era una persona. Un essere umano. Un ragazzo, di circa vent'anni.
Era esanime, con l'intero corpo abbandonato mollemente sulle assi di legno. La pelle, soprattutto del volto, era secca e tirata, cotta dal sole e dalla salsedine. Portava una barba di parecchi giorni, malcurata, e lo stesso era per i capelli e gli abiti. Non doveva aver fatto un bel viaggio.
Inizialmente non sapevo cosa fare. Ma poi mi resi conto di non poterlo lasciare lì, così. Sicuramente al suo risveglio si sarebbe spaventato, ma aveva bisogno di cure. Lo sollevai per le ascelle, come raramente facevo con quelli della sua specie. Non pesava molto. Respirava, anche se lievemente. Me lo caricai su una spalla. Dovevo farlo rivenire, e la spiaggia non mi sembrava il luogo adatto. Ne conoscevo un altro, più appartato.
Portai l'umano in una zona nascosta nella foresta. Il sole filtrava in piccoli raggi poiché il fogliame era molto ricco. Più avanti, c'era una fonte con una sorgente naturale che sembrava l'ideale per fare un bagno.
Una volta arrivata, calcolai il punto in cui l'acqua sembrava più profonda, e senza cerimonie vi gettai il giovane.
Questi dopo pochi istanti si riprese. Emise una sorta di gemito gutturale, emergendo dall'acqua dandomi le spalle e sputando ovunque. Sembrava estremamente sorpreso di trovarsi in un luogo simile.
- Ma questo..., - disse, confuso, -.. sono.. in paradiso?
Non riuscii a trattenere una risata.
-Direi proprio di no, -risposi io.
Lui sussultò, sorpreso di udire una voce umana. E si voltò.
Rimanemmo immobili per qualche istante. Poi il ragazzo emise un grido incredibile, uscì dall'acqua e si mise a correre.
Scappava da me. Non credevo l'avrebbe presa così male. Mi sentì un pochino offesa.

1234567891011121314151617181920

l'autore Caska Berserk ha riportato queste note sull'opera

Due giovani si risvegliano su di un'isola ma scoprono che essa non è affatto deserta!


0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0