accedi   |   crea nuovo account

La città degli Dei

Era una notte invernale strana nelle Terre Desolate, una di quelle che potrebbero cambiare la storia da un momento all'altro dove una decisione sbagliata potrebbe portare un uomo alla morte e un altro alla gloria.
Il vento soffiava forte tra gli alberi spogli che caratterizzavano il paesaggio mentre le cime aguzze dominavano incontrastate l'orizzonte di una terra che sembrava essere stata abbandonata dall'armonia della natura...
Sulla cima di un albero appariva una sagoma cupa di un ragazzo dai capelli neri pallido, uno dei quattro generali dell'Impero: Thanatos.
Si trovava in quel luogo per via di un gruppo di ribelli che avevano osato causare non pochi problemi alla Causa e che si erano rifugiati in quel posto dimenticato da Dio per sfuggire all'Imperatore. Perciò gli era stato assegnato il compito di stanarli e renderli inoffensivi, doveva essere un lavoro da niente tanto che era partito alla testa di solo ottocento uomini ma sfortunatamente i nemici dell'Impero di Equilenia erano più organizzati del previsto senza contare che aveva il sospetto che fossero al corrente della loro presenza e dei loro spostamenti. Tuttavia era riuscito a eliminarli senza perdere troppi uomini; disgraziatamente durante la marcia verso casa arrivò una spiacevole notizia...
Sull'altro versante del monte che stava scrutando era in corso un incontro tra re Gaspar di Erzenia e i rappresentanti della repubblica di Orianea, l'ultimo paese libero del mondo. A quanto pare tramavano qualcosa di grosso contro Equilenia, ma la cosa non era preoccupante in se poiché i due paesi non potevano nulla contro di loro. Ciò che interessava al suo Signore era annettere il regno di Erzenia e quella notte gli era stata fornita una valida scusa per farlo senza indugio.
L'ordine del supremo generale Ares era stato chiaro: <<trattienili fino al mio arrivo>>. Era ovvio che la missione era suicida, non disponeva di molti uomini e secondo le informazioni delle loro spie il codardo re aveva trascinato con se circa tre mila soldati. Ares non sarebbe arrivato prima di due ore e in quelle condizioni non erano in grado di resistere al nemico. Tuttavia dovevano tentare, il destino che gli attendeva se si fossero rifiutati era anche peggiore.
Thanatos era assorto fra i suoi pensieri quando qualcosa attirò la sua attenzione, Mervon il suo braccio destro si stava dirigendo verso di lui, sembrava molto preoccupato e di certo non poteva biasimarlo. Murdock era un uomo sulla cinquantina dall'aria burbera, con un corpo massiccio e la barba lunga. Era una brava persona che credeva fortemente nella Causa e che per nulla al mondo avrebbe tradito l'ideale che l'aveva spinto a intraprendere la via della guerra.
Il giovane generale scese con un balzo felino dall'albero e con un semplice sguardo fece capire al suo braccio destro che poteva parlare.
Indubbiamente era molto nervoso e la paura si leggeva nel suo sguardo <<mio Signore questa volta non possiamo farcela, ci superano almeno di tre volte e i nostri sono stremati.>>
Thanatos sospirò <<Ti sembra il momento di lasciarsi prendere dal panico, Mervon?>> e lanciò un'occhiata carica di risentimento.
<<No Signore! E che questa volta l'impresa è al di sopra delle nostre possibilità!>>

12

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • ELISA DURANTE il 30/06/2011 15:49
    Sembra l'inizio di una saga tra il mitologico e il fantasy. È un genere di prosa in cui non oso cimentarmi ma ammiro chi ha il talento per farlo!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0