PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

82, Washington Road (Episodio 13)

I capelli erano a posto, la barba appena un velo e rifinita con cura, gli abiti erano abbastanza formali ma sufficientemente giovanili. Leonard Haslam era perfetto, pronto per una giornata di lavoro e, soprattutto, per Laila. Era emozionato all'idea che tutto tornasse come prima, con loro due che andavano al lavoro insieme; magari presto si sarebbero svegliati di nuovo nello stesso letto.
Incerto della propria perfezione, si accostò allo specchio per controllare l'interno delle narici, allora si raggelò. Senza alcun motivo plausibile detestò la cura che aveva riposto nel prepararsi, odiò la propria immagine impeccabile. Sentiva, come un suggerimento della sua coscienza o un'improvvisa illuminazione, che quell'insolita attenzione aveva a che fare con la morte. <<I morti sono sempre eleganti>>, sussurrò ad occhi spalancati, sorpreso dalle sue stesse parole.
Si riscosse, però, gli bastarono pochi attimi ed una risata. Ciò che aveva pensato era assurdo, milioni di persone curano il loro aspetto ed arrivano alla fine della giornata, la morte non bada certo all'eleganza. Lasciò il bagno, sollevato, ma distrattamente si scompigliò un po' i capelli.
Dallo stereo si diffondeva la voce di James Labrie che cantava One Last Time e parlava di una tragica fine. Il cd doveva essere graffiato, perché la fine del primo verso prese a ripetersi di continuo. Leon, infastidito, diede qualche colpetto allo stereo senza ottenere risultati, poi provò a mettere in pausa e a fermare del tutto la musica, ma la voce continuava a ripetere le stesse parole.
... this tragic ending... this tragic ending... this tragic end...
Leon staccò la spina e riuscì a far tacere lo stereo, ma quelle parole risuonavano ancora nella sua testa mentre indossava il giubbotto leggero ed usciva di casa, quasi che lo stereo avesse voluto parlargli tramite la canzone. Stavolta non rise di sé, riuscì solo a constatare che parte del suo buonumore era svanito, sostituito da un'irrequietezza priva di ragione.
Finalmente il giorno parve sorridergli quando, sul pianerottolo del suo appartamento, trovò una banconota da un dollaro. La prese con due dita e la fece schioccare allegramente, ma nel farlo notò una scritta su di essa, in inchiostro rosso. "Non raccoglierla", diceva.
Osservò il dollaro per un po', incuriosito, infine decise che qualcuno doveva averlo segnato con quella scritta prima di perderlo e, magari, un giorno avrebbe speso il dollaro in presenza di quel qualcuno facendo una gran brutta figura. Si chinò ed appoggiò a terra la banconota, proprio dove l'aveva trovata, poi raggiunse l'ascensore e vi entrò in fretta per non perdere altro tempo. Il lavoro lo attendeva, ma soprattutto lo attendeva Laila.
Premette il pulsante del pianterreno, la cabina sobbalzò ma non scese, prese a vibrare violentemente; la luce biancastra che la illuminava tremolò prima di virare al rosso, una tonalità sanguigna che rese subito infernale quello spazio angusto. Leon cominciò a tremare, esattamente come la cabina, il sudore dolciastro della paura gli colò sulle labbra ed il panico ebbe presto la meglio su di lui. Provò a premere i pulsanti a caso, con la vista offuscata per via della claustrofobia, ma al posto dei numeri trovò due file di pulsanti con una parola che si ripeteva su ciascuno.

123

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Stefano Galbiati il 01/07/2011 21:13
    uno sforzo del genere lo faccio più che volentieri!!

    Lost è "IL TELEFILM" e come tale non può non influenzare, magari anche involontariamente, ogni narratore di questo mondo... non sei l'unico a cui mancano tutte quelle vicende (caspita, ce ne sarebbero molte altre ma staremmo qui sino a domani solo per nominarle ).

    Il nuovo episodio me lo tengo per domani, ora sono un po' di fretta.
  • Vincenzo Mottola il 30/06/2011 22:49
    Wooooow, grazie Ste!!
    Mi fa piacere che un episodio così "difficile" abbia fatto colpo, non era affatto scontato essendo un po' contorto e, soprattutto, essendo legato a doppio filo ad un episodio precedente che avete letto mesi fa, quando viviamo la giornata eterna di Leon dal suo punto di vista "morto", c'era il rischio che questo sembrasse del tutto fuori luogo.
    Mancano quattro episodi, forse tre... comunque ci siamo, ancora un piccolo sforzo!!

    p. s. Lost è una fonte di ispirazione eccezionale, anche quando non lo si cita volutamente, perché ha influenzato ogni narratore di questo mondo più di qualunque altra serie televisiva e più di molti romanzi e film. Dall'anno scorso non si può più raccontare una storia lunga, magari episodica, senza fare i conti con Lost, in positivo ed in negativo... Mi mancano i soprannomi di Sawyer, dannazione, e le mille trovate malefiche di Ben Linus e le vicende pazzesche di Desmond!!!!
  • Stefano Galbiati il 30/06/2011 22:14
    Robi ci ha aggiunto un FIGHISSIMO (che, tra l'altro, ci sta benissimo), ma io mi limito ad un WOW molto più prolungato... un piccolo gioiellino come questo episodio non merita ulteriori commenti. Davvero notevole, bravo!!!

    Ps. vedo che la sindrome Lost non è ancora passata (e chi vuole farla passare )... Desmond, Sayid, mancherebbero Jack e Sawyer, ahah!!! Comunque concordo con Robi, Lost è ben presente in questo episodio.
  • Roberta P. il 30/06/2011 18:52
    Allora direi che Haslam=Lost, AHAHAH!
    Yeeeeee, sì! Ricordo bene quel paragone, ma non il fatto che lo associassi ad Haslam! Buono buono, concordo: più Lost c'è, meglio è!
  • Vincenzo Mottola il 30/06/2011 18:39
    Se vai all'episodio 7 troverai un tuo commento simile, Robi. Resta il paragone con Lost, ma in quel caso fai il parallelo Haslam/Desmond... comunque più si parla di Lost e meglio è!!!
    Grazie dei complimenti abbondanti, alla prossima puntata!!!
  • Roberta P. il 30/06/2011 17:15
    WOW, FIGHISSIMO!!!!!
    Che roba!
    Comunque in quest'episodio ci ho trovato un sacco di Lost! E prima ancora di pensarlo... leggendo nome e cognome, l'ho abbinato a Sayid. Quando si specchiava, giuro di aver visto il volto di Sayid!
    Complimentoni, proprio bello!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0